.
Annunci online

  Cromwell [ Avv. Filippo Matteucci ' s Blog. Austrian Privatist Economist and Anarcho-Capitalist Libertarian Theorist ]
         

Battle of Marston Moor by http://www.slowleadership.org/blog/index.php?s=cavaliers


23 novembre 2011

LE EUROTASSE STANNO GETTANDO L’ITALIA IN UNA RECESSIONE IRREVERSIBILE



LE EUROTASSE STANNO GETTANDO L’ITALIA IN UNA RECESSIONE IRREVERSIBILE

 

George Orwell: “Se la libertà significa qualcosa, allora significa il diritto di dire alla gente cose che non vuole sentire”.

 

Wolfgang Goethe: “In politica, come sul letto di malattia, molta gente si gira da una parte e dall’altra, pensando di trovare una posizione più comoda”.

 

John Stuart Mill: “Non possiamo mai essere certi che l’opinione che tentiamo di soffocare sia falsa; e se ne fossimo certi, soffocarla sarebbe ancora un male”.

 

POST COLLECTION

 

ELEZIONI POLITICHE 2013 : UN VOTO A FUTURA MEMORIA 

 

Il Prof. Monti vuol mettere al centro della sua politica l’Europa. Ma siamo tanto sicuri che rimanere nell’Unione Europea e nell’euro in particolare sia l’interesse del popolo italiano? Già l’euro ci ha dimezzato il potere d’acquisto e il valore dei risparmi. Ora Germania (col rifiuto egoistico e testardo degli eurobond) e Francia, per difendere il LORO euro vogliono farci ripagare in pochi anni il nostro debito pubblico, accumulato in oltre mezzo secolo. Questo vuol dire per noi gente comune SEMPRE PIU’ TASSE, ci ammazzeranno di tasse, gettando la nostra economia in una recessione IRREVERSIBILE. Quando c’era la lira si era creato un equilibrio di sopravvivenza: gli Italiani prestavano i soldi allo stato comprando BOT e CCT e ricevendone in cambio un buon interesse, soldi che spendevano in consumi, trainando l’economia. Al grosso debito pubblico si rimediava ogni tanto con una svalutazione della lira, che faceva respirare le nostre industrie esportatrici. Tutti sopravvivevamo. Allora dobbiamo chiederci: tutte queste tasse pazzesche per rimanere nell’euro sono nell’interesse del popolo o nell’interesse di oscuri poteri forti nostrani e internazionali, forse anti-italiani? Chi ci governa, indipendentemente dal colore politico o da una non dimostrata tecnicità, rappresenta il popolo o quei poteri forti antipopolari?

Un suggerimento: prendete la vostra agendina portatile, o l’agenda di casa, o fatevi un file sul pc, o prendete un foglio qualunque da conservare nella scheda elettorale, e SEGNATEVI I NOMI E COGNOMI DI TUTTI QUEI PARLAMENTARI DI PDL E LEGA favorevoli alle nuove tasse: quelli favorevoli AL RITORNO DELL’ICI SULLA PRIMA CASA e/o ALLA PATRIMONIALE ,... nonché i traditori che hanno fatto cadere Berlusconi.

Alle prossime elezioni elettorali che si terranno al più tardi nel 2013, riandate a vedere i loro nomi E NON VOTATELI, NON VOTATELI MAI PIU’.

Gli elettori del centrodestra non vogliono una destra alla Sarkozy o alla Merkel o alla Cameron, non vogliono una destra asservita a oscuri poteri forti internazionali e anti-italiani, non vogliono una destra statalista, dirigista, antidemocratica e tassaiola come la sinistra.

Gli elettori del centrodestra vogliono un Reagan o una Thatcher, e non un Sarkozy o una Merkel.

 

 

LE MISURE FISCALI IMPOPOLARI SONO QUELLE PRESE CONTRO IL POPOLO

Il popolo sa riconoscere i suoi nemici. Il popolo percepisce le cose come realmente sono. Vi ricordate la bufala dell’inflazione “percepita” come maggiore dell’inflazione reale? No, il popolo “percepiva” l’inflazione vera, non quella ufficiale e fasulla. Ugualmente adesso vogliono farci sembrare serio, responsabile, quasi eroico chi adotta misure fiscali IMPOPOLARI. No, chi adotta misure fiscali impopolari è uno che ruba al popolo, alle famiglie, ai lavoratori, ai risparmiatori, per dare ai ricchi, alla grande industria succhiasoldipubblici, al politburò, ai ceti parassitari, a sindacati e corporazioni, alle parti “sociali” che non rappresentano nessuno e che più antisociali non si può.

Ad ammazzare il popolo e l’economia di tasse qualsiasi tiranno e predone è buono, non ci volevano tanti professoroni e manager... Un’ulteriore tassazione affosserebbe in una recessione irreversibile un paese che invece ha bisogno di uno sviluppo selettivo e velocemente arricchente. Occorrono idee nuove che propongano uno sviluppo intelligente, basato su ciò che l’Italia già ha di competitivo, senza guardare in faccia a nessuno, tanto meno all’euro e all’Europa o ai padroni nostrani succhiasoldipubblici; anzi, proprio questi ultimi sono stati e sono tuttora i principali beneficiari della spesa pubblica grandemente finanziata con quel debito statale accumulato in mezzo secolo che ora vogliono criminalmente far ripagare a noi contribuenti sans pouvoir in cinque anni.

Una buona idea, da me proposta da anni, è quella di RIPAGARE SENZA SACRIFICI IL DEBITO PUBBLICO TRASFORMANDO L’ITALIA IN UN PARADISO FISCALE e turistico. Abbiamo TUTTO per farlo: storia, arte, clima, gastronomia, cultura, bellezze ambientali, nonché le migliori banche, i migliori intermediari finanziari d’Europa e del mondo, per divenire la residenza stabile e/o la meta turistica dei ricchi e dei benestanti del mondo, e ciò può portarci ben più ricchezza di qualsiasi altra tipologia di sviluppo economico. Per la crescita della ricchezza di ciascun Italiano e dell’Italia tutta non è necessario che “qualcun altro” paghi più tasse. Occorrono soluzioni tanto intelligenti quanto ovvie e praticabili, come questa da me avanzata, e meno spesa pubblica, meno sprechi, e non più tasse a questo o a quello.

Nel frattempo dobbiamo tutelare le nostre famiglie, i nostri figli, i nostri risparmi, le nostre proprietà, dallo stato e dalle famiglie padrone dello stato. La protezione individuale è la prima giustissima difesa, ma dobbiamo anche unirci, coalizzarci, organizzarci... LORO sono uniti, coalizzati, ORGANIZZATISSIMI e molto furbi... e vogliono tenerci divisi, atomizzati, senza la protezione della nostra proprietà, della nostra famiglia, del nostro clan parentale, delle nostre piccole comunità locali. Comportiamoci correttamente, probamente, cortesemente con la gente comune, coi senza potere come noi. Non lasciamo che i nostri figli vengano rincoglioniti da mode e abitudini attentamente studiate fin nei minimi particolari per dividere e distruggere le nostre famiglie. Non litighiamo coi nostri parenti, ma stiamo con loro in stretto contatto e aiutiamoci reciprocamente. Famiglie divise sono famiglie deboli, facilmente derubabili dei loro averi dallo stato e dalle famiglie padrone. Non litighiamo col nostro vicino di casa, ma uniamoci a lui per controllare il condominio, invece di lasciarlo nelle mani di qualche amministratore, magari di dubbia onestà. Non deleghiamo, non lasciamoci amministrare...

Un vecchio slogan di sinistra, eppure valido: el pueblo unido jamas sera vencido, neanche dai governi (non eletti, non da noi votati) dei baroni universitari ovviamente keynesiani, statalisti e tassaioli. 

 

 

EQUITA’ FISCALE?  MA QUANDO MAI... 

 

Ma fatemi il piacere! Il fisco è iniquo per sua natura. 

Una mia amica mi ha richiesto di dar voce alla sua protesta, paragonando la sua situazione economica e (non) lavorativa a quella di una delle categorie superprotette e sussidiate. Lascio parlare lei:

“Ho quasi 50 anni e dopo 19 anni di studio (comprese laurea e SSIS) sono una professoressa precaria disoccupata, totalmente disoccupata da quando la Gelmini ha obbligato i 30 alunni e più per classe, senza poter io più avere quelle supplenze temporanee o part time che mi davano un minimo di speranza. Non ho soldi né reddito, ho solo un appartamento lasciatomi in eredità dai genitori. Ora questo Monti, che non ho votato, vuole farmi pagare l’ICI sul mio unico bene, per giunta calcolato sulla base di rendite catastali urbane raddoppiate. Chi mi dà i soldi per pagare tale nuova ulteriore tassa? Me li dà il Prof. Monti, mio collega, lui sì ben retribuito? Ovviamente da questa nuova mazzata fiscale sugli immobili verranno esentati i proprietari agricoli, come sempre. Costoro da decenni hanno sempre beneficiato di sussidi, esenzioni fiscali quasi totali, crediti agevolati o a fondo perduto. Ricordo quando l’UMA (Utenti Motori Agricoli) elargiva loro la nafta per i trattori quasi gratis, e loro ci mandavano il riscaldamento e le loro Mercedes. A me chi ha mai pagato la benzina per recarmi a far scuola? Le rendite dominicali e agrarie dei catasti terreni sono ridicole: grazie ad esse loro pagano, quando e se le pagano, IRPEF e ICI ridottissime.  In Umbria e nelle Marche con la scusa del terremoto del ’97 hanno avuto ricostruiti a nuovo, GRATIS (coi soldi miei!) abitazioni e annessi crollati 40 anni prima del terremoto. Per non parlare delle quote PAC, una rendita di circa 300 euro per ettaro, che l’Europa paga agli agricoltori prendendo i soldi da noi contribuenti, a SOSTEGNO del reddito degli agricoltori stessi, come se ne avessero bisogno! Chi mai ha sostenuto il MIO reddito? Hanno case – ville pluripiano , finanziate con crediti agevolati e a fondo perduto, e sulle quali non hanno mai pagato una lira di tasse in quanto “rurali”, hanno belle auto e trattori air conditioned, vanno sempre a caccia e a ballare, e se ti accosti alle loro proprietà per fare un pic-nic in campagna, non ti fanno nemmeno avvicinare, minacciandoti di qualche fucilata o di bucarti le ruote (mi è capitato!). Non provate poi ad acquistare un pezzetto di terra, magari per farci l’orto.  Ti si avventano contro come vampiri con insulti e diritti di prelazione gli agricoltori confinanti, la terra deve essere tutta e solo loro. La stessa coldiretti, cui mi ero rivolta per informazioni sull’inizio di un’attività agricola (non sapendo più io disoccupata cosa fare per vivere) mi ha dato in malo modo una risposta riassumibile in ‘se non vieni da una famiglia di agricoltori che cosa vieni a rompere?’ 

Allora emerito remuneratissimo collega Prof. Monti, questa sarà la tua tanto conclamata EQUITA’? Perché fai pagare l’ICI a me che non ho un soldo, e invece non togli la rendita delle quote PAC ai SIGNORI agricoltori, che sono stati fin troppo agevolati?”

Questo è quanto domanda la mia amica Prof precaria disoccupata. E la sua obiezione è giustissima, sacrosanta. Non dico di far pagare più tasse a qualcuno, agli agricoltori, ma di ELIMINARE QUALSISI SUSSIDIO DI STATO questo sì, comprese le scandalose quote PAC. Quanto sarebbe meglio se lo stato si occupasse, cosa che non fa, di giustizia, ordine pubblico, difesa dei confini e di una sanità non omicida, E BASTA, chiedendo in cambio poche e giuste tasse, invece di intervenire nell’economia con provvedimenti distorsivi che tolgono ai poveri per dare ai ricchi, foraggiando con sussidi, magari per comprare consenso, settori clientelari, obsoleti e parassitari? L’intervento dello stato in economia, con tasse, inflazione, spesa pubblica e debito pubblico, è sempre il contrario dell’equità.

MENO STATO, MENO TASSE, PIU’ EQUITA’, PIU’ LIBERTA’, PIU’ RICCHEZZA.

 

 

IN ARRIVO L’EUROBOLLO ECOLOGICO SULLE AUTO DEI POVERI. 

 

Dal 2014.  L’ecologia, con la bufala del riscaldamento globale, sta diventando uno dei principali pretesti per imporci ed estorcerci ulteriori tasse.

Pensate che gli Inglesi non hanno neanche più la libertà di accendersi un fuoco nel camino, perché il camino rende la casa più inquinante e quindi soggetta a maggiori tasse! Sono stati costretti a sostituire i camini con dei finti camini elettrici.

Ora vogliono tartassare le auto vecchie, cioè le auto dei poveri, degli anziani, degli immigrati, di chi non ha i soldi per arricchire ulteriormente gli AgnelliElkann e soci... Ma cosa diavolo aspetta la gente a ribellarsi?!? 

 

 

NO AL RITORNO DELL’ICI SULLA PRIMA CASA

NO ALLA PATRIMONIALE

NO AL PRELIEVO – FURTO SUI CONTI CORRENTI

SI A TAGLI DECISI E MASSICCI ALLA SPESA PUBBLICA

 

L’esenzione ICI sulla prima casa un’ANOMALIA? A me pare un’anomalia che io debba pagare ancora tasse sulla mia abitazione comprata con i risparmi (tassati) e i sacrifici (tassati) di una vita.

Caro Monti, ma chi sei, ma chi ti ha votato?

Per ammazzare il popolo e l’economia di tasse qualsiasi tiranno e predone è buono, non ci volevano tanti professoroni e manager...

Il grosso della spesa pubblica va a finire nelle tasche dei ricchi e dei ricchissimi, dei padroni dello stato e dei loro lacchè, e di chi vende loro il consenso per qualche briciola o elemosina di assistenzialismo.

La spesa pubblica va nelle tasche delle famiglie padrone, dei ceti parassitari, delle categorie iperprotette, di corporazioni e sindacati che rappresentano solo se stessi, che non sono “parti sociali” ma organizzazioni parassitarie e antipopolari.

Siamo stufi di mantenere coi NOSTRI soldi parassiti di ogni genere, dalla grande industria assistita ai suoi lacchè del politburò, ai milioni di dipendenti pubblici che ci danno il solo servizio di romperci l’anima intralciando il libero mercato, di pagare noi il sostegno al reddito dei contadini (quote PAC = rendita) e le consulenze d’oro delle regioni.

Per sviluppare l’economia occorre liberarla dalla predazione fiscale e contributiva, e da tutti i vessatori obblighi normativi, burocratici e amministrativi.

Chi si azzarda oggi a intraprendere un’attività produttiva, sapendo che dovrà pagare immediatamente migliaia di euro ai vari inutili INPS, INAIL, ecc. , che metà del costo dei dipendenti consisterà in tasse e contributi, e che buona parte del suo profitto se lo papperanno le famiglie padrone di questo stato che nessuno vuole, eccetto chi ci mangia sopra, sulle spalle dei ceti produttivi. 

LO STATO NON DEVE FARE... meno lo stato fa meglio sta il popolo; lo stato non risolve i problemi del popolo, glieli crea...

PAGARE PIU’ TASSE OGGI VUOL DIRE PAGARNE ANCORA DI PIU’ DOMANI: dare soldi a chi ha il potere di tassarti vuol dire far aumentare ancora il suo potere, così il tiranno predatore, domani, ancora più potente grazie ai TUOI soldi, che TU imbelle gli hai dato senza reagire, potrà tassarti ancora di più, fino a proletarizzare e schiavizzare te e la tua famiglia, facendoti dipendere dall’assistenza dello stato.

Il debito pubblico, comincino a pagarlo i ceti parassitari, quelli che per decenni hanno vissuto sulle tasse pagate da noi e sui debiti che facevano contrarre allo stato e che ora vogliono far ripagare a noi. 

Le borse mondiali oggi vanno giù, domani vanno su, questo è il loro NORMALE divenire, le perdite di oggi si trasformeranno nei guadagni di domani, borse basse sono un’ottima occasione per investire, i periodi di calo in borsa non sono mai preoccupanti e SONO SEMPRE REVERSIBILI.

INVECE LE TASSE UNA VOLTA MESSE NESSUNO LE TOGLIERA’ MAI PIU’, una volta aumentate nessuno le diminuirà mai più. BISOGNA AVER PAURA DELLE TASSE, NON DELLE BORSE. Nell’ultimo secolo di “riformismo”, la pressione fiscale non ha fatto altro che salire, depredando i cittadini, i lavoratori, le famiglie, squilibrando il mercato, soffocando l’economia, distorcendo la libera concorrenza, foraggiando apparati pubblici clientelari, parassiti e vessatori. L’economia è strangolata da tasse, contributi previdenziali obbligatori, inflazione, vessazioni burocratiche e amministrative.

Oggi, se vogliamo rimanere un paese produttivo, libero e democratico, dobbiamo assolutamente invertire tale tendenza, seguendo fedelmente un unico semplice principio: nessuna nuova tassa deve essere creata, nessuna tassa esistente deve essere aumentata, tutte le tasse esistenti devono essere diminuite o, se possibile, abolite. Meno spesa pubblica e meno sprechi, e non più tasse a questo o a quello. 

 

FATECI VOTARE!

LADRI DI DEMOCRAZIA, LADRI DI SOLDI ALTRUI. 


Filippo Matteucci  -  Economista

Tea Party Federazione Liberista - DEMOCRAZIA DIRETTA TURNARIA  (Founder)

 

http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/

http://PropertyandMarket.ilcannocchiale.it/post/2694780.html

http://www.hanshoppe.com/wp-content/uploads/publications/Federalismo_Liberta.pdf

http://propertyandmarket.ilcannocchiale.it/2011/11/11/la_patrimoniale_arricchisce_i.html

http://finance.yahoo.com/news/Low-rates-squeeze-savers-and-apf-3139420642.html?x=0

http://www.agoravox.it/Per-il-bene-di-tutti-la-tassazione.html

http://www.borsaplus.com/index.php/archives/2011/06/29/piu-tasse-sui-nostri-risparmi-no-grazie/

www.lewrockwell.com/paul/paul334.html

www.ricorsi-autovelox.com/pagine.php?n=sistema_giudiziario_1

http://www.hanshoppe.com/wp-content/uploads/publications/trans/hoppe_natural-elites-italian.pdf

http://www.filosofiapolitica.net/showArticle.asp?ID=03-02-09-Hoppe&IDArea=2&dateReview=03-02-2009&typeMenu=0&showMenu=true

http://www.rischiocalcolato.it/2011/11/giuliano-melani-italiani-fate-uno-sforzo-comprate-il-debito-dell%E2%80%99italia.html

http://www.cartalibera.it/per-ripagare-senza-sacrifici-il-debito-pubblico-trasformiamo-l%E2%80%99italia-in-un-paradiso-fiscale-2290/

 

 

Le proposte di Filippo Matteucci nella loro cinica freddezza offrono una prospettiva realistica alla soluzione dei problemi italiani.

Nella palude di moralismo ideologico spesso foriero di danni peggiori del male che si propongono di curare, rappresentano una eccezione che proprio per la sua razionale efficacia non verrà adottata ma anzi irrisa o ignorata.” (Walter Monici)





6 febbraio 2010

SPECULAZIONE E MOBILITA' SOCIALE

 SPECULAZIONE E MOBILITA' SOCIALE

Nel mondo della finanza, delle Borse mondiali, una delle poche oasi di libero mercato rimaste,  gli speculatori sono coloro che rendono possibile l’interscambio al miglior prezzo di merci e valori, così svolgendo una funzione benefica e indispensabile per l’economia. La speculazione è quindi normale, ed enormemente utile, in una economia libera.

La speculazione è anche e soprattutto l'unica via rimasta a chi è nato in una famiglia modesta per farsi strada nella vita, per accrescere il patrimonio della sua famiglia.
Tutte le altre vie di innalzamento sociale sono strettamente controllate dalle famiglie padrone e dai loro lacchè del politburò.
Minimi avanzamenti sociali vengono concessi solo a quelle famiglie di servi di provata fedeltà verso i padroni, in cambio di una totale obbedienza e di una completa rinuncia a qualsiasi sentimento di onestà e giustizia.

Coloro che instillano in un popolo completamente tenuto ignorante in materia l'odio verso lo " speculatore " vogliono solo bloccare la mobilità sociale.

Vogliono che il figlio del servo continui a fare anche lui il servo, anche se meritavole e capace; vogliono che il figlio del padrone rimanga padrone, anche se balordo, drogato e buono a nulla.

Predicano contro la speculazione quei poteri forti statalisti succhiasoldipubblici che sono soliti eliminare ope judicis i competitors migliori di loro.
Tali poteri forti, andati a male come un cibo scaduto, controllano lo stato e lo usano, oltre che per depredare il popolo, contro coloro che per merito avrebbero il diritto a sostituirli.
Bloccano così il ricambio delle élites, indispensabile per la salute e il buon funzionamento del sistema economico e politico.


Voce " MOBILITA' SOCIALE " da Wikipedia:

"Per mobilità sociale si intende il passaggio di un individuo o di un gruppo da uno status sociale ad un altro, e il livello di flessibilità nella stratificazione di una società, il grado di difficoltà (o di facilità) con cui è possibile passare da uno strato ad un altro all'interno della stratificazione sociale ossia la pluralità dei gruppi sociali presenti all'interno della società con ruoli diversi e diverso accesso alle risorse.
[...] È comunque solo con la più recente comparsa della classe media impiegatizia che la mobilità sociale è diventata un fenomeno forte, per cui molti figli di operai e contadini sono entrati a far parte della classe media, anche se le classi superiori, come l'alta borghesia, sono rimaste per lo più composte da figli di borghesi. La mobilità sociale, quindi, tende a presentarsi tra le classi basse e medio-alte, e ad essere molto limitata per quello che riguarda le classi più elevate.

Esistono vari idealtipi utili a classificare la mobilità:

- Intergenerazionale (misurata confrontando lo status sociale dell'individuo con quello dei suoi genitori) / intragenerazionale (distanza coperta da un individuo nella propria vita).

- Assoluta (grado di mobilità sociale in una società stratificata nel suo complesso) / relativa (grado di mobilità sociale nelle diverse classi di una società stratificata).

- Occupazionale (riferita solamente al lavoro) / sociale (riferita sia al lavoro che ad altre componenti).

- Individuale / di classe.

Le società a mobilità sociale più elevata (sia intra che inter generazionale) sono per lo più quelle industrializzate, grazie alla presenza della classe lavorativa medio-alta, all'importanza dell'istruzione come strumento di elevazione sociale del soggetto, alla maggior specializzazione che nel lavoro è richiesta e che proprio con l'istruzione può essere raggiunta, e alla diffusione delle idee e dei valori di uguaglianza e pari opportunità. Le società a mobilità sociale più bassa sono nella maggior parte dei casi quelle a economia agricola, dove non è necessaria una specializzazione e quindi l'istruzione non ha un ruolo fondamentale, e non è presente la classe media. In queste società è più forte il ruolo attribuito dalla nascita e lo status "ereditato" dalla famiglia d'origine.

Il concetto di mobilità in 3 sociologi classici 
Secondo Karl Marx l’unica mobilità possibile è quella consistente nel passaggio da un modo di produzione al successivo: un enorme cambiamento macrosociale (es: il passaggio dal sistema feudale al sistema industriale); è questa una lettura legata alla dicotomia struttura/sovrastruttura.
Secondo Max Weber la mobilità è l’interagire di classi, ceti e partiti, in un ambito multidimensionale.
Secondo Vilfredo Pareto la mobilità consiste nell’avvicendamento delle elite dirigenti (politiche e non politiche) perché la società necessita di una elite adatta a governare bene; ne deriva il problema dell’adeguatezza della elite.

Classificazione delle società 
È possibile classificare le società in base al grado di mobilità che esse permettono. Troviamo in questa classificazione alcuni "tipi puri estremi" intesi come estremi di un continuum; se da un lato troviamo la società USA (che ha fatto della mobilità sociale un imperativo sociale), all'altro capo troviamo la società indiana (che vive nella divisione in caste un'artificiosa immobilità dovuta alla chiusura sociale). [...] Da notare che si tratta di una categorizzazione puramente convenzionale: sia la società USA che la società indiana presentano rispettivamente vincoli alla mobilità e canali di mobilità.
Nelle società totalmente immobili troviamo degli individui "infiltrati" sugli scalini alti della gerarchia e questo è dovuto principalmente ad eventi eccezionali (es: in Iraq la Seconda Guerra del Golfo ha deposto il regime preesistente e ne ha instaurato un altro prima escluso dal potere). Altro motivo di mobilità sono generalmente grandi doti individuali (es: invenzione geniale sfruttata a fini di arricchimento) oppure unioni matrimoniali particolarmente convenienti.
Alla stessa maniera, società totalmente mobili presentano un minimo di cristallizzazione o chiusura sociale, che consiste in confini che impediscono ad alcuni di accedere ad alcune posizioni.

Canali di mobilità sociale 
Esistono vari modi di salire o scendere nella gerarchia. I canali di mobilità variano da società a società e da epoca a epoca.
Alcuni esempi: nelle società militari e nei regimi dittatoriali abbiamo l’esercito (es: fondamentale canale di mobilità nell'URSS). Nelle società industriali i canali possono essere l'inserimento nel sistema produttivo, il titolo di studio, l'appartenenza a determinate istituzioni (es: Ministero dell'Interno), il possesso di organizzazioni economiche (es: Bill Gates) e/o legami con istituzioni religiose."

Filippo Matteucci

Due possibili letture sull'argomento:
Proprietà privata e proprietà pubblica dello stato in Hans-Hermann Hoppe
http://www.filosofiapolitica.net/showArticle.asp?ID=03-02-09-Hoppe&IDArea=2&dateReview=03-02-2009&typeMenu=0&showMenu=true
e
Principi di economia privatista
http://www.finanzaediritto.it/articoli/principi-di-economia-privatista-4096.html



sfoglia     settembre        gennaio
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom