.
Annunci online

  Cromwell [ Avv. Filippo Matteucci ' s Blog. Austrian Privatist Economist and Anarcho-Capitalist Libertarian Theorist ]
         

Battle of Marston Moor by http://www.slowleadership.org/blog/index.php?s=cavaliers


12 gennaio 2008

PERCHE’ NON AUMENTARE LA TASSAZIONE SULLE RENDITE FINANZIARIE

 

PERCHE’ NON AUMENTARE LA TASSAZIONE SULLE RENDITE FINANZIARIE

(Spiegazione per coloro che, in buona fede, hanno occhi, orecchi e cervello foderati di mortadella prodiana [*] )

Consideriamo la seguente ipotesi. Ho 10.000 euro di sudati risparmi, ci compro un BOT che mi rende il 4% annuo lordo, ovvero 400 euro. L’inflazione, cioè la perdita di valore, di potere d’acquisto dei miei risparmi causata dall’aumento dei prezzi, è anch’essa del 4% all’anno. Quindi i miei risparmi si svalutano di 400 euro ogni anno. Calcoliamo:

400 euro di rendimento meno 400 euro d’inflazione uguale 0.

L’inflazione è una tassa, anzi, è il più pesante e subdolo tributo che lo stato ci impone, quindi il mio rendimento di 400 euro mi è già stato tutto mangiato dall’inflation tax.

Ma non basta: su tutti i 400 euro di rendimento lordo nominale devo pagare allo stato anche l’imposta sostitutiva, oggi del 12,5%, proprio quell’imposta che vogliono ora quasi raddoppiare portandola al 20%. Calcolandola ancora al 12,5% è: 400*12,5/100= 50 euro.

Quindi, partendo dai 10.000 euro di risparmi iniziali e considerando il loro reale potere d'acquisto:

400 euro di rendimento - 400 euro d’inflation tax - 50 euro di imposta sostitutiva = - (meno!) 50 euro.

La mia inaudita “rendita” finanziaria da ricco speculatore è negativa, ci ho rimesso 50 euro regalando ben 450 euro allo stato.

Ma tutti sappiamo che l’inflazione reale è ben superiore al 4% ufficiale, siamo in realtà oltre il 10% annuo. Divertitevi voi a conteggiare la mia inaudita rendita calcolando l’inflazione reale…

Non sono stato chiaro? Allora consideriamo questa seconda ipotesi.

Dieci anni fa, nel 1998, con 150.000 euro ci compravo un bell’appartamento semicentrale. Non l’ho comprato e ho investito in BOT e fondi a basso rischio. Coi rendimenti ottenuti (al netto dell’imposta sostitutiva pagata su di essi) in dieci anni sono arrivato a 200.000 euro. Oggi ho bisogno di comprarmi un appartamento: guardo il mercato degli immobili e vedo che con i miei 200.000 euro ci compro sì e no un bilocale in periferia.

Domando: passando, grazie ai rendimenti nominali, in dieci anni, dai 150.000 euro del 1998 ai 200.000 euro di oggi, mi sono arricchito o mi sono impoverito?

I 50.000 euro di rendita netta decennale mi hanno compensato della svalutazione dei miei risparmi causata dall’inflation tax? Ovviamente NO.

Per comprare quel bell’appartamento semicentrale che nel 1998 mi costava tutti i miei 150.000 euro oggi mi occorrono 300.000 euro (che non ho).

Facendo due conti:

150.000 euro di costo nel 1998 (e di risparmi iniziali) + 50.000 euro di rendita netta decennale - 300.000 euro di costo attuale = - (meno!) 100.000 euro.

Oltre all’imposta sostitutiva pagata nel decennio, ho regalato altri 100.000 euro di inflation tax allo stato, e mi sono drasticamente impoverito.

Devo pagare ulteriori tasse?

Volete raddoppiarmi la tassazione sulla mia favolosa rendita finanziaria?



E, sottolineo, è assolutamente falsa, falsissima, l’affermazione ricorrente che il rendimento del risparmio è tassato meno dei redditi da lavoro o d’impresa. Chiariamo questa cosa una volta per tutte e in modo che la possa capire anche chi ignora cosa sia un tributo (pur pagandolo).

In parole povere, e semplificando molto, chi ha un reddito da lavoro o d’impresa, paga allo stato una percentuale più alta ma solo su una parte del suo reddito, e inoltre ha degli sconti d’imposta. Chi ha un rendimento da risparmio paga una percentuale più bassa ma su tutto il rendimento, e non ha nessuno sconto d’imposta.

I redditi da lavoro e i redditi d’impresa sono infatti tassati con un’imposta diversa da quella che colpisce i rendimenti dei risparmi (chiamati impropriamente e in malafede rendite finanziarie).

I redditi da lavoro e d’impresa sono tassati dall’imposta sul reddito, che non colpisce tutto il reddito, ma solo la base imponibile, ovvero solo quella parte del reddito che supera la fascia esente e che rimane dopo aver dedotto varie spese (ad esempio per i familiari a carico). Inoltre, dall’imposta così calcolata si possono poi scontare varie detrazioni.

I rendimenti dei risparmi sono invece tassati da un altro tipo d’imposta, l’imposta sostitutiva, che non ammette fasce esenti, deduzioni o detrazioni. In particolare dal rendimento nominale del risparmio non si può dedurre (scontare) l’inflazione, né qualsiasi spesa (ad esempio, non si possono scontare le spese per i familiari a carico). Non ci sono fasce esenti, quindi l’imposta sostitutiva si paga su tutto il rendimento, fino all’ultimo centesimo. Non sono ammesse neanche le detrazioni (cioè i vari sconti d’imposta).

Le due imposte sono quindi strutturalmente diversissime e non è possibile fare paragoni tra le aliquote nominali (le percentuali del reddito che il fisco si prende), perché la base imponibile (l’importo tassato, a cui si applica l’aliquota) nei redditi da lavoro e d’impresa non è tutto il reddito, mentre nei rendimenti da risparmio si. A parità di reddito e di aliquota nominale, l’imposta sostitutiva che colpisce il risparmio è quindi molto più gravosa dell’imposta sul reddito che colpisce il lavoro e l’impresa. (Per non parlare della possibilità di scontare le perdite negli anni successivi a quello in cui la perdita si è verificata, che nel reddito da risparmio è vergognosamente limitata a soli quattro anni.)

Spero che ora siano chiari la malafede e il fine di  disinformazione di chi, approfittandosi dell’ignoranza del popolo in materia fiscale, per infinocchiare chi di tributi non se ne intende, va raccontando che il risparmio è tassato meno del lavoro o dell’impresa.
In realtà costoro vogliono tartassare sia i salari sia i risparmi dei lavoratori sia le piccole e medie imprese.



Filippo Matteucci

[*] a quelli in mala fede non ho nulla da spiegare: sanno già benissimo che quella parte ulteriore dei nostri risparmi che vogliono confiscarci raddoppiando la tassazione sui rendimenti, non andrà in servizi pubblici ma nelle loro tasche. Inoltre non capisco perché i mass media tacciono sulle verità sacrosante esposte in questo post: da quali poteri forti è venuto l'ordine ai politici statalisti di ogni colore (bianchi, rossi e neri: da Ferrero ad Alemanno, da Follini ad Amato, da Bertinotti a Di Pietro) di tartassare i risparmi? A chi fa così tanto comodo questo aumento di tassazione sui risparmi dei lavoratori?



sfoglia            marzo
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom