.
Annunci online

  Cromwell [ Avv. Filippo Matteucci ' s Blog. Austrian Privatist Economist and Anarcho-Capitalist Libertarian Theorist ]
         

Battle of Marston Moor by http://www.slowleadership.org/blog/index.php?s=cavaliers


4 luglio 2014

IL DEFAULT SELETTIVO QUALE SOLUZIONE “ETICA” ALLA CRISI DEI DEBITI SOVRANI



IL DEFAULT SELETTIVO QUALE SOLUZIONE “ETICA” ALLA CRISI DEI DEBITI SOVRANI 

 

Se sei debitore di uno strozzino, pagare il tuo debito all’usuraio vuol dire rovinare la tua vita e quella della tua famiglia. Vuol dire rendere te stesso e la tua famiglia schiavi di un individuo infame, schiavi per oggi e per il futuro. Gran parte dei debiti sovrani devono essere ripagati non a privati cittadini che hanno investito i propri risparmi in titoli pubblici, ma a enti finanziari che fanno capo, direttamente o tramite società prestanome, all’élite bancaria internazionale, a quelli che eufemisticamente vengono definiti i “poteri forti”. Forti in quanto sono loro che controllano le multinazionali, gli stati, i governi, gli istituti di emissione della moneta carta straccia, le privatissime banche centrali che il popolino crede pubbliche...

Ezra Pound sosteneva che i politici sono i camerieri dei banchieri. Ovviamente contro i popoli. E’ stato facile per questi poteri forti ordinare ai “loro” politici (di qualsiasi colore verniciati) di far indebitare stati, regioni, comuni, imponendo una enorme spesa pubblica ben canalizzata verso le loro tasche usuraie. Ora presentano il conto. Siamo giunti al momento in cui il cravattaro tira al massimo il nodo della cravatta: non vuole più i soldi della sua vittima, vuole che la vittima diventi suo schiavo, schiavo in tutti i sensi possibili. I poteri forti stanno ordinando ai loro domestici politici: “Fate pagare il debito pubblico al popolo!”, e giù tasse su tutto, risparmi, case, redditi, consumi..., tasse sulla vita del popolo.

Ma a cosa serve pagare? Più tasse paghi oggi al tuo strozzino, più potere gli dai di farti pagare ancora più tasse domani. Le tasse non sono mai contro i ricchi e a favore del popolo, come i poteri forti ci vogliono far credere, cerebrolavandoci tramite i loro partiti e i loro massmedia. Non vi è infatti nulla di più falso, di più ipocrita dello slogan “tassiamo i ricchi”: i veri ricchi, gli ultraricchi, le famiglie padrone degli stati, le tasse non le pagano, le riscuotono. Le tasse colpiscono il popolo, il piccolo risparmiatore, l’anziano che ha messo da parte qualcosa, le famiglie che coi loro risparmi e sacrifici cercano di tutelare i figli. Nella storia dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo le tasse sono sempre state contro il popolo e a favore dei potenti che le hanno riscosse, e le riscuotono, tramite il “loro” stato e il “loro” fisco. Quello che oggi è notevolmente cambiato è la misura della predazione: oggi le tasse sono enormemente più alte rispetto ai tempi in cui al potere c’erano i re, l’aristocrazia, il clero, oggi al potere abbiamo chi da secoli pratica l’usura, ed è quindi maestro insuperato in quest’arte... Non possiamo nemmeno più considerarle tasse, bensì totale schiavitù. L’apparente millantato “progresso” si è rivelato un pesante regresso di civiltà.

E’ interessante notare come anche questo problema dimostri le contraddizioni e l’inanità dei due schieramenti politici apparentemente contrapposti nel teatrino massmediatico, a nostro uso e consumo. Quando gli stati erano dominati dall’aristocrazia e dal clero, l’élite usuraia creò il liberal-liberismo contro gli stati medesimi per appropriarsene; la stessa élite usuraia, oggi che ha conquistato gli stati e li usa per depredare i popoli, non permette certo l’emersione politica e massmediatica di autentici liberisti antistato e antitasse, al massimo ci propina qualche buffone liberista a chiacchiere, che promette e non mantiene. Sull’altra sponda politica, la sinistra socialcomunista, statalista per natura e per definizione, non può ammettere che stato e tasse sono sempre strumenti  di qualcuno per dominare il popolo; né può ammettere che in particolare lo stato “costituzionale”, “popolardemocratico”, è oggi uno strumento antipopolare e antidemocratico in mano alle famiglie dei poteri forti, con un livello di tassazione e di intromissione nella vita dei cittadini che ne fanno la peggiore tirannia predatoria e schiavizzante, finora mai vista nella storia dell’uomo. Non vi è infatti nessuna soluzione di continuità, né disomogeneità funzionale, tra le democrazie “occidentali” e lo stato di tipo sovietico: le famiglie mondialiste dominanti sono sempre le stesse, in entrambi i tipi di stati, anch’essi solo apparentemente contrapposti. E così i dibattiti massmediatici del teatrino della politica diventano uno dei tanti mezzi di disinformazione e di distrazione di massa, al pari del calcio, delle balere e delle notti rosa.

Contro tutto questo, ecco la mia proposta. L’ipocrita motivazione del forsennato aumento della predazione fiscale è che i popoli “devono” ripagare i debiti di stato. Ebbene, un popolo sovrano “deve” solo ciò che “vuole”. La soluzione equa, giusta, “etica”, moralmente ineccepibile, per i debiti pubblici degli stati pseudodemocratici è che il popolo ripaghi i debiti solo al popolo: il “default selettivo”.

Selettivo in quanto si remunerano con gli interessi e si rimborsano alla scadenza solo i titoli di stato che alla data X risultano di proprietà di persone fisiche aventi la cittadinanza o la residenza nello stato. I titoli di stato, nonché tutte le obbligazioni contratte da soggetti pubblici, che alla stessa data X risultano di proprietà di stranieri non residenti o di enti - persone giuridiche vengono cancellati e quindi non rimborsati.

Il default selettivo da me proposto comporta una immediata consistente riduzione del debito pubblico e la liberazione dell’economia del paese dalla morsa fiscale usuraia. Caro politico, se sei veramente dalla parte del popolo, non togliere con le tasse al popolo la poca ricchezza che ha e che si è sudata, togli all’usuraio mondialista il potere di appropriarsi dei nostri soldi, azzeragli il credito che lui stesso si è fatto creare.

Ma il default selettivo sarebbe la sconfitta dei poteri forti che fanno eleggere i loro lacchè alle cariche di governo, e quindi i “loro” politici non adotteranno mai questa soluzione morale, etica, che salverebbe l’economia, il lavoro, i risparmi, il futuro del paese. A meno che popoli informati, coesi, organizzati, non impongano tale soluzione con un atto di vera sovranità popolare.

Per questo i popoli devono re-imparare ad amministrarsi, a non delegare ad alcuno l’amministrazione di alcunché, a cominciare dalle cose più semplici e immediate, dai propri risparmi per la vecchiaia al proprio condominio... Partire dal piccolo, riorganizzare se stessi, la propria famiglia, il proprio clan parentale, partire dalla micropolitica scansando “amministratori” privati e pubblici, riappropriarsi del condominio, del quartiere, del comune, e usare queste forme primarie di coesione sociale, limitate ma solide, come mezzi di difesa contro gli stati strumenti della tirannia usuraia mondiale. In fondo, quello che storicamente i popoli più capaci hanno sempre fatto; solo che lo abbiamo disimparato, occorre appunto re-impararlo. E reimpararlo da subito, perché le tasse imposte dai camerieri della grande usura internazionale stanno intenzionalmente distruggendo ora, in questi mesi, in questi giorni, la nostra economia, la nostra libertà e il nostro futuro.

 

Filippo Matteucci

Economista




(Image by garrisongraphics.blogspot.com/2010/08/march-of-tyranny.html)




12 maggio 2012

CRISTIANI LIBERISTI




CRISTIANI E LIBERISTI

 

Segnaliamo la nascita, per iniziativa di Oliviero Corsini e con l’aiuto di Filippo Matteucci, di un nuovo gruppo Facebook: CRISTIANI LIBERISTI. Tale gruppo culturale vuole una svolta privatista e antistatalista dell’atteggiamento verso gli odierni stati da parte delle principali confessioni religiose, Chiesa Cattolica in primis. Come afferma Corsini: “Se oggi gli stati sono in mano a poteri forti occulti, ad oscure organizzazioni di famiglie padrone le quali hanno dimenticato il vero Dio, quello del Bene e dell’Amore, per adorare falsi dèi demoniaci, allora non si può non essere antistatalisti e quindi liberisti”. E’ infatti indubbio che le principali istituzioni “pubbliche” mondiali sono in mano, oggi più che nei due secoli precedenti, a quelle stesse potentissime famiglie di faccendieri e usurai che negli scorsi due secoli medesimi hanno usurpato il potere sia di monarchi meno ladri di loro, sia di democrazie nate proprio contro tiranni e predoni, e finite nelle mani dei peggiori tiranni e predoni che la storia ricordi. La pericolosità di tali famiglie di tiranni è ben conclamata dal loro essere organizzate in sette, logge, cosche che da secoli, se non da millenni, hanno pervicacemente perseguito lo scopo ultimo del dominio mondiale, oggi quasi pienamente realizzato, in ossequio a un culto del male tanto orrido quanto ignorato dalle masse, istupidite e cerebrolavate dai mass-media di regime e da un’istruzione pubblica volta solo all’ossequiente addomesticamento dei figli dei senza potere.

Gli stessi credenti nelle fedi del Bene non possono rimanere insensibili, inermi e imbelli di fronte a tale trionfo del male, a tali nuove tirannie usuraie e demoniache che stanno colpendo e distruggendo, sia personalmente che patrimonialmente, prima di tutti e soprattutto proprio loro, gli uomini onesti di buona volontà, e le loro famiglie, le loro donne, i loro figli.

LINK AL GRUPPO “ CRISTIANI LIBERISTI “: http://www.facebook.com/media/set/?set=oa.402774296419684&type=1&success=2&failure=0#!/groups/402769933086787/

 

 

Dalle Info del gruppo “ CRISTIANI LIBERISTI “:

 

PERCHE’ CRISTIANI, PERCHE’ LIBERISTI

 

“Se oggi gli stati sono in mano a poteri forti occulti, ad oscure organizzazioni di famiglie padrone le quali hanno dimenticato il vero Dio, quello del Bene e dell’Amore, per adorare falsi dèi demoniaci, allora non si può non essere antistatalisti e quindi liberisti” Oliviero Corsini D.S.M.

 

“... questa è la domanda fondamentale a cui tutti dobbiamo rispondere. Se anche la storia si è divisa in due per far posto a questo ingombrante personaggio (prima di Cristo – dopo Cristo), il minimo che possiamo e dobbiamo fare è domandarci: “chi è per me questo Gesù?” Alberto Medici

 

“Il mondo oggi sembra diviso in due: da una parte chi ancora si fida dell’informazione ufficiale come ci viene raccontata da televisione, giornali, fonti ufficiali; dall’altra chi ha cominciato a mettere in dubbio ciò che viene raccontato, e cerca le informazioni per conto proprio. Questo spartiacque mi ricorda il mito della caverna di Platone, dove chi vede solo le ombre non crede a chi, slegatosi e uscito all’aria aperta, riesce a vedere le cose come stanno e non come sembrano” Alberto Medici

 

“Nel passato le forme di controllo erano prevalentemente fisiche, coercitive e punitive, dalla frusta alla forca. Oggi le forme di controllo sono essenzialmente mentali, si avvalgono dei mass media, e mirano alla pianificazione delle esistenze dei dominati e alla canalizzazione e deviazione del loro pensiero: il dominante dice al dominato cosa deve volere nella vita.” Filippo Matteucci

 

“Le grandi multinazionali e le grandi banche infatti, sono già, di fatto, proprietarie della maggior parte delle ricchezze del pianeta. Poche famiglie, non più di una ventina in tutto, controllano direttamente o indirettamente oltre la metà dei beni della terra e per acquisire l’altra metà non occorre provocare una crisi finanziaria; le grandi multinazionali sono già proprietarie, nella stragrande maggioranza dei casi, delle miniere di diamanti e pietre preziose dell’africa e dell’Asia; le cosiddette sette sorelle hanno il monopolio dell’energia del pianeta, non permettendo alle energie alternative di svilupparsi; controllano di fatto la maggior parte degli stati asiatici, africani, e dell’america latina, mediante governanti compiacenti, allineati, corrotti, o semplicemente incapaci di reagire alla strapotenza del mondo occidentale e dei suoi diktat.

Le grandi superpotenze economiche sono così ricche che potrebbero tranquillamente acquistare tutto il rimanente in modo leciti o illeciti.

Allora…. Perché provocare una crisi finanziaria di questa portata?

Solo per acquistare altri beni, a seguito del fallimento di molti privati e molte aziende?

La ragione delle crisi è la stessa che regge il sistema fiscale dissennato che abbiamo. Un sistema fiscale assurdo, che però ha una ragione molto profonda. Il sistema di tassazione deve essere vessatorio e non ci sarà mai un governo che ridurrà le tasse veramente. I soldi, infatti, in realtà ci sono, ma vengono dispersi decuplicando il costo delle opere pubbliche, finanziando società inesistenti grazie all’aiuto della CE, creando fondi neri, spendendo miliardi di euro per una sanità malata.

Il vero scopo del sistema di tassazione attuale, però, non è quello di reperire fondi da spartire tra le elite (ne hanno già a sufficienza senza dover rubare anche pochi spiccioli al cittadino comune) ma quello di costringere il cittadino a non alzare mai la testa; lo scopo è cioè quello di farlo lavorare dodici ore al giorno per sopravvivere. Se non avrà troppo tempo libero, non avrà tempo per riflettere, informarsi e svegliarsi.” Paolo Franceschetti

 

“Uno stato è un monopolio territoriale della coercizione, un’agenzia che può dedicarsi a continue violazioni istituzionalizzate dei diritti di proprietà e allo sfruttamento dei proprietari privati tramite esproprio, tassazione e regolamentazione.” Hans Hermann Hoppe

 

“Ogni rivoluzione moderna ha visto furbi e spregiudicati razziatori tirare le fila nell'ombra, spingendo avanti una rozza e ottusa plebaglia sanculotta a versare il sangue per eliminare fisicamente i re e la nobiltà ai re fedele. Sono questi razziatori di un nuovo tipo, banchieri e appartenenti all'alta borghesia,  che intendono impadronirsi dello stato-apparato e in particolare del fisco per aumentare enormemente le proprie ricchezze a spese di tutti gli altri membri della comunità. Razziatori che sanno avvalersi di una sleale mistificazione della realtà utilizzando a tale scopo intellettuali prezzolati per far apparire al popolo la menzogna come verità.” Filippo Matteucci

 

“E tutto questo non sarebbe possibile senza la complicità dell’informazione ufficiale, il cui scopo unico è ormai diventato quello di tenere distratte le masse mentre qualcuno agisce contro i loro interessi, magari inscenando attentati che servono a giustificare aggressioni a paesi stranieri con la menzogna della “difesa preventiva”, oppure amplificando la paura e l’allarme per certe “catastrofi”, come l’AIDS o il global warming per cui è richiesta una gestione a livello planetario, un Nuovo Ordine Mondiale.” Alberto Medici

 

“Il potere viene esercitato dal dominante sul dominato e consiste nella possibilità per il dominante di imporre al dominato prestazioni fisiche e/o prestazioni patrimoniali. Le prestazioni fisiche possono andare dalla mera schiavizzazione alle antiche corvé medioevali, dal servizio militare al lavoro dipendente sottopagato di oggi. Le prestazioni patrimoniali tipiche sono la tassazione, il pizzo, l'inflazione. Entrambe le tipologie di imposizione costringono il dominato a destinare parte delle risorse della sua vita, soprattutto tempo ed energie, a vantaggio di un estraneo. Per detenere il potere il dominante deve ideare e porre in essere forme di controllo sul dominato, e queste forme di controllo possono concretizzarsi ed essere organizzate in apparati, anche, ma non solo, statuali.” Filippo Matteucci

 

“Piano di fuga fai-da-te

Primo: liberarsi dalla schiavitù della televisione

Secondo: liberarsi dalla falsa informazione

Terzo: liberarsi dalla paura della malattia

Quarto: liberarsi dalla paura della povertà

Quinto: liberarsi dalla paura del diverso e del terrorismo

Sesto: liberarsi dalla schiavitù del denaro

Settimo: liberarsi da tutti i legami

... L’amore è una attività, presuppone un movimento, qualcosa che si fa nei confronti dell’amata: la curo, la veglio, la coccolo, sono premuroso, cerco di capire… il legame invece è una passività: sono soggetto passivo di un legame, non posso muovermi, non sono libero, non posso andare dove voglio, agire come mi pare… sono diversi come il giorno e la notte!” Alberto Medici

 

“Sotto il profilo economico, sia il diritto positivo, con il prescrivere contro la natura del mercato la burocratizzazione del mercato medesimo e la scomparsa della libera concorrenza, sia la tassazione, ovvero l'assoggettamento al tributo, sia infine il controllo sull'emissione della moneta e la conseguente voluta inflazione, permettono ai dominanti di stroncare sul nascere l'accumulazione di ricchezze da parte di famiglie concorrenti. Viene così impedita la costruzione di patrimoni a quelle élites che, in assenza di tali vessazioni, sarebbero emerse naturalmente per i loro meriti e le loro capacità, probabilmente ben maggiori di quelli dei dominanti stessi.” Filippo Matteucci

 

“Anche il diritto penale è pensato per tutelare i delinquenti e non le vittime.

Tra i delinquenti c’è una suddivisione in categorie.

1) Reietti. I reietti sono quelli che vanno in galera sicuramente, se vengono beccati. Sono in genere mafiosi, che sono quelli che subiscono le pene più dure.

2) Sfigati. Sfigati sono in genere gli extracomunitari o i drogati, che subiscono pene di media entità e nel cinquanta per cento dei casi possono finire in carcere.

3) Eletti. Appartengono a questa categoria quelli che non vanno mai in carcere e se ci vanno gli danno tutti i privilegi e li trattano come se fossero in albergo; sono gli amministratori pubblici, che hanno pene ridicole o inesistenti, e comunque nei pochi casi in cui vengono processati il processo va in prescrizione.

Poi ci sono i cittadini ordinari, che rientrano in una delle tre classi sopraelencate, a seconda dei soldi di cui dispongono, della loro appartenenza ad organizzazioni massoniche o paramassoniche, e da altre variabili.

Rubare un cesto di mele da un negozio di frutta e verdura, o un portafoglio su un autobus, ad esempio è un reato punito con la pena da 1 a sei anni (articolo 625).

Rubare un miliardo di euro agli azionisti, in una società che fattura dieci miliardi all’anno, non è punibile. Rubare un miliardo di euro in una società che fattura un miliardo di euro all’anno è punito con la pena da quindici giorni ad un anno (articolo 2621 e ss del codice civile).

Quindi chi ruba una mela è uno sfigato; chi ne ruba mille è un reietto; ma se rubi mille miliardi sei un eletto.” Paolo Franceschetti

 

 

 

 

 





23 novembre 2011

LE EUROTASSE STANNO GETTANDO L’ITALIA IN UNA RECESSIONE IRREVERSIBILE



LE EUROTASSE STANNO GETTANDO L’ITALIA IN UNA RECESSIONE IRREVERSIBILE

 

George Orwell: “Se la libertà significa qualcosa, allora significa il diritto di dire alla gente cose che non vuole sentire”.

 

Wolfgang Goethe: “In politica, come sul letto di malattia, molta gente si gira da una parte e dall’altra, pensando di trovare una posizione più comoda”.

 

John Stuart Mill: “Non possiamo mai essere certi che l’opinione che tentiamo di soffocare sia falsa; e se ne fossimo certi, soffocarla sarebbe ancora un male”.

 

POST COLLECTION

 

ELEZIONI POLITICHE 2013 : UN VOTO A FUTURA MEMORIA 

 

Il Prof. Monti vuol mettere al centro della sua politica l’Europa. Ma siamo tanto sicuri che rimanere nell’Unione Europea e nell’euro in particolare sia l’interesse del popolo italiano? Già l’euro ci ha dimezzato il potere d’acquisto e il valore dei risparmi. Ora Germania (col rifiuto egoistico e testardo degli eurobond) e Francia, per difendere il LORO euro vogliono farci ripagare in pochi anni il nostro debito pubblico, accumulato in oltre mezzo secolo. Questo vuol dire per noi gente comune SEMPRE PIU’ TASSE, ci ammazzeranno di tasse, gettando la nostra economia in una recessione IRREVERSIBILE. Quando c’era la lira si era creato un equilibrio di sopravvivenza: gli Italiani prestavano i soldi allo stato comprando BOT e CCT e ricevendone in cambio un buon interesse, soldi che spendevano in consumi, trainando l’economia. Al grosso debito pubblico si rimediava ogni tanto con una svalutazione della lira, che faceva respirare le nostre industrie esportatrici. Tutti sopravvivevamo. Allora dobbiamo chiederci: tutte queste tasse pazzesche per rimanere nell’euro sono nell’interesse del popolo o nell’interesse di oscuri poteri forti nostrani e internazionali, forse anti-italiani? Chi ci governa, indipendentemente dal colore politico o da una non dimostrata tecnicità, rappresenta il popolo o quei poteri forti antipopolari?

Un suggerimento: prendete la vostra agendina portatile, o l’agenda di casa, o fatevi un file sul pc, o prendete un foglio qualunque da conservare nella scheda elettorale, e SEGNATEVI I NOMI E COGNOMI DI TUTTI QUEI PARLAMENTARI DI PDL E LEGA favorevoli alle nuove tasse: quelli favorevoli AL RITORNO DELL’ICI SULLA PRIMA CASA e/o ALLA PATRIMONIALE ,... nonché i traditori che hanno fatto cadere Berlusconi.

Alle prossime elezioni elettorali che si terranno al più tardi nel 2013, riandate a vedere i loro nomi E NON VOTATELI, NON VOTATELI MAI PIU’.

Gli elettori del centrodestra non vogliono una destra alla Sarkozy o alla Merkel o alla Cameron, non vogliono una destra asservita a oscuri poteri forti internazionali e anti-italiani, non vogliono una destra statalista, dirigista, antidemocratica e tassaiola come la sinistra.

Gli elettori del centrodestra vogliono un Reagan o una Thatcher, e non un Sarkozy o una Merkel.

 

 

LE MISURE FISCALI IMPOPOLARI SONO QUELLE PRESE CONTRO IL POPOLO

Il popolo sa riconoscere i suoi nemici. Il popolo percepisce le cose come realmente sono. Vi ricordate la bufala dell’inflazione “percepita” come maggiore dell’inflazione reale? No, il popolo “percepiva” l’inflazione vera, non quella ufficiale e fasulla. Ugualmente adesso vogliono farci sembrare serio, responsabile, quasi eroico chi adotta misure fiscali IMPOPOLARI. No, chi adotta misure fiscali impopolari è uno che ruba al popolo, alle famiglie, ai lavoratori, ai risparmiatori, per dare ai ricchi, alla grande industria succhiasoldipubblici, al politburò, ai ceti parassitari, a sindacati e corporazioni, alle parti “sociali” che non rappresentano nessuno e che più antisociali non si può.

Ad ammazzare il popolo e l’economia di tasse qualsiasi tiranno e predone è buono, non ci volevano tanti professoroni e manager... Un’ulteriore tassazione affosserebbe in una recessione irreversibile un paese che invece ha bisogno di uno sviluppo selettivo e velocemente arricchente. Occorrono idee nuove che propongano uno sviluppo intelligente, basato su ciò che l’Italia già ha di competitivo, senza guardare in faccia a nessuno, tanto meno all’euro e all’Europa o ai padroni nostrani succhiasoldipubblici; anzi, proprio questi ultimi sono stati e sono tuttora i principali beneficiari della spesa pubblica grandemente finanziata con quel debito statale accumulato in mezzo secolo che ora vogliono criminalmente far ripagare a noi contribuenti sans pouvoir in cinque anni.

Una buona idea, da me proposta da anni, è quella di RIPAGARE SENZA SACRIFICI IL DEBITO PUBBLICO TRASFORMANDO L’ITALIA IN UN PARADISO FISCALE e turistico. Abbiamo TUTTO per farlo: storia, arte, clima, gastronomia, cultura, bellezze ambientali, nonché le migliori banche, i migliori intermediari finanziari d’Europa e del mondo, per divenire la residenza stabile e/o la meta turistica dei ricchi e dei benestanti del mondo, e ciò può portarci ben più ricchezza di qualsiasi altra tipologia di sviluppo economico. Per la crescita della ricchezza di ciascun Italiano e dell’Italia tutta non è necessario che “qualcun altro” paghi più tasse. Occorrono soluzioni tanto intelligenti quanto ovvie e praticabili, come questa da me avanzata, e meno spesa pubblica, meno sprechi, e non più tasse a questo o a quello.

Nel frattempo dobbiamo tutelare le nostre famiglie, i nostri figli, i nostri risparmi, le nostre proprietà, dallo stato e dalle famiglie padrone dello stato. La protezione individuale è la prima giustissima difesa, ma dobbiamo anche unirci, coalizzarci, organizzarci... LORO sono uniti, coalizzati, ORGANIZZATISSIMI e molto furbi... e vogliono tenerci divisi, atomizzati, senza la protezione della nostra proprietà, della nostra famiglia, del nostro clan parentale, delle nostre piccole comunità locali. Comportiamoci correttamente, probamente, cortesemente con la gente comune, coi senza potere come noi. Non lasciamo che i nostri figli vengano rincoglioniti da mode e abitudini attentamente studiate fin nei minimi particolari per dividere e distruggere le nostre famiglie. Non litighiamo coi nostri parenti, ma stiamo con loro in stretto contatto e aiutiamoci reciprocamente. Famiglie divise sono famiglie deboli, facilmente derubabili dei loro averi dallo stato e dalle famiglie padrone. Non litighiamo col nostro vicino di casa, ma uniamoci a lui per controllare il condominio, invece di lasciarlo nelle mani di qualche amministratore, magari di dubbia onestà. Non deleghiamo, non lasciamoci amministrare...

Un vecchio slogan di sinistra, eppure valido: el pueblo unido jamas sera vencido, neanche dai governi (non eletti, non da noi votati) dei baroni universitari ovviamente keynesiani, statalisti e tassaioli. 

 

 

EQUITA’ FISCALE?  MA QUANDO MAI... 

 

Ma fatemi il piacere! Il fisco è iniquo per sua natura. 

Una mia amica mi ha richiesto di dar voce alla sua protesta, paragonando la sua situazione economica e (non) lavorativa a quella di una delle categorie superprotette e sussidiate. Lascio parlare lei:

“Ho quasi 50 anni e dopo 19 anni di studio (comprese laurea e SSIS) sono una professoressa precaria disoccupata, totalmente disoccupata da quando la Gelmini ha obbligato i 30 alunni e più per classe, senza poter io più avere quelle supplenze temporanee o part time che mi davano un minimo di speranza. Non ho soldi né reddito, ho solo un appartamento lasciatomi in eredità dai genitori. Ora questo Monti, che non ho votato, vuole farmi pagare l’ICI sul mio unico bene, per giunta calcolato sulla base di rendite catastali urbane raddoppiate. Chi mi dà i soldi per pagare tale nuova ulteriore tassa? Me li dà il Prof. Monti, mio collega, lui sì ben retribuito? Ovviamente da questa nuova mazzata fiscale sugli immobili verranno esentati i proprietari agricoli, come sempre. Costoro da decenni hanno sempre beneficiato di sussidi, esenzioni fiscali quasi totali, crediti agevolati o a fondo perduto. Ricordo quando l’UMA (Utenti Motori Agricoli) elargiva loro la nafta per i trattori quasi gratis, e loro ci mandavano il riscaldamento e le loro Mercedes. A me chi ha mai pagato la benzina per recarmi a far scuola? Le rendite dominicali e agrarie dei catasti terreni sono ridicole: grazie ad esse loro pagano, quando e se le pagano, IRPEF e ICI ridottissime.  In Umbria e nelle Marche con la scusa del terremoto del ’97 hanno avuto ricostruiti a nuovo, GRATIS (coi soldi miei!) abitazioni e annessi crollati 40 anni prima del terremoto. Per non parlare delle quote PAC, una rendita di circa 300 euro per ettaro, che l’Europa paga agli agricoltori prendendo i soldi da noi contribuenti, a SOSTEGNO del reddito degli agricoltori stessi, come se ne avessero bisogno! Chi mai ha sostenuto il MIO reddito? Hanno case – ville pluripiano , finanziate con crediti agevolati e a fondo perduto, e sulle quali non hanno mai pagato una lira di tasse in quanto “rurali”, hanno belle auto e trattori air conditioned, vanno sempre a caccia e a ballare, e se ti accosti alle loro proprietà per fare un pic-nic in campagna, non ti fanno nemmeno avvicinare, minacciandoti di qualche fucilata o di bucarti le ruote (mi è capitato!). Non provate poi ad acquistare un pezzetto di terra, magari per farci l’orto.  Ti si avventano contro come vampiri con insulti e diritti di prelazione gli agricoltori confinanti, la terra deve essere tutta e solo loro. La stessa coldiretti, cui mi ero rivolta per informazioni sull’inizio di un’attività agricola (non sapendo più io disoccupata cosa fare per vivere) mi ha dato in malo modo una risposta riassumibile in ‘se non vieni da una famiglia di agricoltori che cosa vieni a rompere?’ 

Allora emerito remuneratissimo collega Prof. Monti, questa sarà la tua tanto conclamata EQUITA’? Perché fai pagare l’ICI a me che non ho un soldo, e invece non togli la rendita delle quote PAC ai SIGNORI agricoltori, che sono stati fin troppo agevolati?”

Questo è quanto domanda la mia amica Prof precaria disoccupata. E la sua obiezione è giustissima, sacrosanta. Non dico di far pagare più tasse a qualcuno, agli agricoltori, ma di ELIMINARE QUALSISI SUSSIDIO DI STATO questo sì, comprese le scandalose quote PAC. Quanto sarebbe meglio se lo stato si occupasse, cosa che non fa, di giustizia, ordine pubblico, difesa dei confini e di una sanità non omicida, E BASTA, chiedendo in cambio poche e giuste tasse, invece di intervenire nell’economia con provvedimenti distorsivi che tolgono ai poveri per dare ai ricchi, foraggiando con sussidi, magari per comprare consenso, settori clientelari, obsoleti e parassitari? L’intervento dello stato in economia, con tasse, inflazione, spesa pubblica e debito pubblico, è sempre il contrario dell’equità.

MENO STATO, MENO TASSE, PIU’ EQUITA’, PIU’ LIBERTA’, PIU’ RICCHEZZA.

 

 

IN ARRIVO L’EUROBOLLO ECOLOGICO SULLE AUTO DEI POVERI. 

 

Dal 2014.  L’ecologia, con la bufala del riscaldamento globale, sta diventando uno dei principali pretesti per imporci ed estorcerci ulteriori tasse.

Pensate che gli Inglesi non hanno neanche più la libertà di accendersi un fuoco nel camino, perché il camino rende la casa più inquinante e quindi soggetta a maggiori tasse! Sono stati costretti a sostituire i camini con dei finti camini elettrici.

Ora vogliono tartassare le auto vecchie, cioè le auto dei poveri, degli anziani, degli immigrati, di chi non ha i soldi per arricchire ulteriormente gli AgnelliElkann e soci... Ma cosa diavolo aspetta la gente a ribellarsi?!? 

 

 

NO AL RITORNO DELL’ICI SULLA PRIMA CASA

NO ALLA PATRIMONIALE

NO AL PRELIEVO – FURTO SUI CONTI CORRENTI

SI A TAGLI DECISI E MASSICCI ALLA SPESA PUBBLICA

 

L’esenzione ICI sulla prima casa un’ANOMALIA? A me pare un’anomalia che io debba pagare ancora tasse sulla mia abitazione comprata con i risparmi (tassati) e i sacrifici (tassati) di una vita.

Caro Monti, ma chi sei, ma chi ti ha votato?

Per ammazzare il popolo e l’economia di tasse qualsiasi tiranno e predone è buono, non ci volevano tanti professoroni e manager...

Il grosso della spesa pubblica va a finire nelle tasche dei ricchi e dei ricchissimi, dei padroni dello stato e dei loro lacchè, e di chi vende loro il consenso per qualche briciola o elemosina di assistenzialismo.

La spesa pubblica va nelle tasche delle famiglie padrone, dei ceti parassitari, delle categorie iperprotette, di corporazioni e sindacati che rappresentano solo se stessi, che non sono “parti sociali” ma organizzazioni parassitarie e antipopolari.

Siamo stufi di mantenere coi NOSTRI soldi parassiti di ogni genere, dalla grande industria assistita ai suoi lacchè del politburò, ai milioni di dipendenti pubblici che ci danno il solo servizio di romperci l’anima intralciando il libero mercato, di pagare noi il sostegno al reddito dei contadini (quote PAC = rendita) e le consulenze d’oro delle regioni.

Per sviluppare l’economia occorre liberarla dalla predazione fiscale e contributiva, e da tutti i vessatori obblighi normativi, burocratici e amministrativi.

Chi si azzarda oggi a intraprendere un’attività produttiva, sapendo che dovrà pagare immediatamente migliaia di euro ai vari inutili INPS, INAIL, ecc. , che metà del costo dei dipendenti consisterà in tasse e contributi, e che buona parte del suo profitto se lo papperanno le famiglie padrone di questo stato che nessuno vuole, eccetto chi ci mangia sopra, sulle spalle dei ceti produttivi. 

LO STATO NON DEVE FARE... meno lo stato fa meglio sta il popolo; lo stato non risolve i problemi del popolo, glieli crea...

PAGARE PIU’ TASSE OGGI VUOL DIRE PAGARNE ANCORA DI PIU’ DOMANI: dare soldi a chi ha il potere di tassarti vuol dire far aumentare ancora il suo potere, così il tiranno predatore, domani, ancora più potente grazie ai TUOI soldi, che TU imbelle gli hai dato senza reagire, potrà tassarti ancora di più, fino a proletarizzare e schiavizzare te e la tua famiglia, facendoti dipendere dall’assistenza dello stato.

Il debito pubblico, comincino a pagarlo i ceti parassitari, quelli che per decenni hanno vissuto sulle tasse pagate da noi e sui debiti che facevano contrarre allo stato e che ora vogliono far ripagare a noi. 

Le borse mondiali oggi vanno giù, domani vanno su, questo è il loro NORMALE divenire, le perdite di oggi si trasformeranno nei guadagni di domani, borse basse sono un’ottima occasione per investire, i periodi di calo in borsa non sono mai preoccupanti e SONO SEMPRE REVERSIBILI.

INVECE LE TASSE UNA VOLTA MESSE NESSUNO LE TOGLIERA’ MAI PIU’, una volta aumentate nessuno le diminuirà mai più. BISOGNA AVER PAURA DELLE TASSE, NON DELLE BORSE. Nell’ultimo secolo di “riformismo”, la pressione fiscale non ha fatto altro che salire, depredando i cittadini, i lavoratori, le famiglie, squilibrando il mercato, soffocando l’economia, distorcendo la libera concorrenza, foraggiando apparati pubblici clientelari, parassiti e vessatori. L’economia è strangolata da tasse, contributi previdenziali obbligatori, inflazione, vessazioni burocratiche e amministrative.

Oggi, se vogliamo rimanere un paese produttivo, libero e democratico, dobbiamo assolutamente invertire tale tendenza, seguendo fedelmente un unico semplice principio: nessuna nuova tassa deve essere creata, nessuna tassa esistente deve essere aumentata, tutte le tasse esistenti devono essere diminuite o, se possibile, abolite. Meno spesa pubblica e meno sprechi, e non più tasse a questo o a quello. 

 

FATECI VOTARE!

LADRI DI DEMOCRAZIA, LADRI DI SOLDI ALTRUI. 


Filippo Matteucci  -  Economista

Tea Party Federazione Liberista - DEMOCRAZIA DIRETTA TURNARIA  (Founder)

 

http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/

http://PropertyandMarket.ilcannocchiale.it/post/2694780.html

http://www.hanshoppe.com/wp-content/uploads/publications/Federalismo_Liberta.pdf

http://propertyandmarket.ilcannocchiale.it/2011/11/11/la_patrimoniale_arricchisce_i.html

http://finance.yahoo.com/news/Low-rates-squeeze-savers-and-apf-3139420642.html?x=0

http://www.agoravox.it/Per-il-bene-di-tutti-la-tassazione.html

http://www.borsaplus.com/index.php/archives/2011/06/29/piu-tasse-sui-nostri-risparmi-no-grazie/

www.lewrockwell.com/paul/paul334.html

www.ricorsi-autovelox.com/pagine.php?n=sistema_giudiziario_1

http://www.hanshoppe.com/wp-content/uploads/publications/trans/hoppe_natural-elites-italian.pdf

http://www.filosofiapolitica.net/showArticle.asp?ID=03-02-09-Hoppe&IDArea=2&dateReview=03-02-2009&typeMenu=0&showMenu=true

http://www.rischiocalcolato.it/2011/11/giuliano-melani-italiani-fate-uno-sforzo-comprate-il-debito-dell%E2%80%99italia.html

http://www.cartalibera.it/per-ripagare-senza-sacrifici-il-debito-pubblico-trasformiamo-l%E2%80%99italia-in-un-paradiso-fiscale-2290/

 

 

Le proposte di Filippo Matteucci nella loro cinica freddezza offrono una prospettiva realistica alla soluzione dei problemi italiani.

Nella palude di moralismo ideologico spesso foriero di danni peggiori del male che si propongono di curare, rappresentano una eccezione che proprio per la sua razionale efficacia non verrà adottata ma anzi irrisa o ignorata.” (Walter Monici)





17 settembre 2011

TASSE SUL RISPARMIO E LIBERISMO

 



TASSE SUL RISPARMIO E LIBERISMO


LO STATO NEMICO DEI CETI PRODUTTIVI

Lo stato non è un soggetto ma uno strumento nelle mani delle famiglie padrone contro il popolo: LO STATO NON DEVE FARE... meno lo stato fa meglio sta il popolo; lo stato non risolve i problemi del popolo, glieli crea...

Non capisco la follia di coloro (vedi quelli di sinistra) che pur riconoscendo che lo stato è uno strumento delle famiglie padrone CONTRO IL POPOLO, a tale strumento vogliono dare più poteri e più tasse.

Non c'è alcuna differenza tra una destra statalista e una sinistra socialcomunista statalista: sono entrambe CONTRO IL POPOLO e serve dei dominanti del momento. Chi è IL POPOLO? Tutti coloro che, indipendentemente dal loro livello di ricchezza, NON HANNO POTERE, non possono cioè usare lo stato, il fisco, l'emissione di moneta per imporre agli altri prestazioni patrimoniali o fisiche. Tasse, contributi previdenziali obbligatori, inflazione, debito pubblico, spesa pubblica, vessazioni burocratiche e normative sono tutti STRUMENTI DELLA NUOVA SCHIAVITU'.


TRADIMENTO DEL MANDATO ELETTORALE

Questa maggioranza era stata votata e deputata a governare dai cittadini per ridurre le tasse e tagliare la spesa pubblica. Ora sta alzando tasse e spesa pubblica, in particolare accanendosi sui risparmiatori (già tartassati dall’inflazione), tradendo il mandato, e deve essere mandata a casa. Questo governo non si limita a enunciazioni e propositi, questo governo le riforme contro il popolo le fa davvero. Pensate alla epocale mazzata fiscale sul risparmio, finalizzata al blocco della mobilità sociale: prevista trent’anni fa nel programma “Rinascita democratica” della P2, negli ultimi sei anni pervicacemente richiesta dagli stessi poteri forti contro i loro competitors immobiliaristi e speculatori finanziari, realmente attuata solo da questo governo quest’anno quale obbediente resa ai poteri forti medesimi.

Quali rimedi anticrisi questo governo escogita, magari in combutta con le parti "sociali"? Ma cosa hanno di "sociale" costoro? Rappresentano il popolo o se stessi? Rubare soldi alle famiglie tartassando i risparmi per finanziare infrastrutture (autostrade e tav) che rovinano la vita e le proprietà di altre famiglie.

Cosa ha di liberista questo governo? Esistono Tea Party italiani che non siano delle buffonate o dei sindacati gialli, raccattavoti per un centrodestra zombie? Negli stati uniti i TEA PARTY hanno condizionato l'accordo repubblicani - democratici sulle misure economiche: ovvero SOLO TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA E NIENTE TASSE.

Da mesi propongo una Federazione Liberista dei Tea Party Italiani, qualcosa di concreto, invece delle solite chiacchiere o di velleitarie utopie: non vi potrebbe essere momento politico migliore.


I RISPARMI VANNO IN FUMO? TARTASSIAMO I RISPARMI!

Le borse mondiali crollano provocando ingenti perdite agli investitori, bruciando i risparmi di famiglie, lavoratori, anziani, l’economia è strangolata da tasse, contributi previdenziali obbligatori, inflazione, vessazioni burocratiche e amministrative e... quali misure vengono prese dai nostri governanti e dai loro padroni?

Il RADDOPPIO DELLA TASSAZIONE SULLE RENDITE FINANZIARIE , ovvero sui risparmi di famiglie, lavoratori e anziani!

All’idiozia (predatoria) non c’è limite!

Ma quando mai un’economia così depredata e tiranneggiata riuscirà a sopravvivere? E nessuno fa nulla...L’attacco fiscale ai risparmi è un’occasione politico – ideologica da non perdere

Il risparmio è lo strumento principale attraverso il quale una famiglia può iniziare a costruirsi un capitale privato.

Uccidere fiscalmente il risparmio per indurre le famiglie a sperperare i loro patrimoni in consumi inutili o dannosi vuol dire uccidere la MOBILITA' SOCIALE.

Bloccare la mobilità sociale vuol dire che le famiglie di ricchi rimarranno ricche e le famiglie dei poveri rimarranno povere.

Ed è proprio questo che vogliono, fin dai tempi della P2: non sotto la costrinzione di crisi contingenti o della "speculazione" mondiale, ma programmato e pervicacemente perseguito da decenni, com'è nel loro stile.

Berlusconi e Tremonti li hanno accontentati, TARTASSANDO I RISPARMI DELLE FAMIGLIE.


ASSENZA DI RAPPRESENTANZA POLITICA DEI LIBERISTI

In giro vi e’ un malessere, un disgusto diffuso, causato dall’inusitato attacco fiscale al risparmio delle famiglie, dei lavoratori, degli anziani. La depredazione fiscale del risparmio segna la morte politica del PdL e di Berlusconi. Il PdL implodera’ alle prossime elezioni frammentandosi e la Lega perdera’ fortemente consensi. Questo suicidio politico costituisce un’occasione d’oro per tutti quei movimenti politico-economici liberisti, liberali, libertarian che condividono la regola meno stato, meno tasse, piu’ mercato, piu’ ricchezza. Occorre verificare se tra i liberisti vi sono soggetti che hanno l’intelligenza, la capacita’ e la tempestivita’ per girare a proprio favore tale diffuso malcontento tra gli elettori.

Dopo che il centrodestra ha tradito liberi professionisti e risparmiatori, chi rappresenta e difende politicamente liberi professionisti e risparmiatori? I governi, i poteri forti, il politburò sembrano tutti invasati da un'ORGIA FISCALE E VESSATORIA senza freno: infatti non trovano nessuna resistenza nella loro predazione fiscale e nell'imposizione di misure vessatorie e illiberali, in particolare contro gli autonomi, contro le partite iva.


ATTACCO AL RISPARMIO POPOLARE

Berlusconi e Tremonti: raddoppio dell’imposta sostitutiva sui rendimenti del risparmio e superbollo sui depositi titoli (una volta il superbollo si metteva sulle auto di lusso o inquinanti, oggi è stato messo sui risparmi delle famiglie...). Merkel e Sarkozy: tassa sulle transazioni finanziarie. Bersani: imposta patrimoniale...

AI POTERI FORTI NON PIACE IL RISPARMIO POPOLARE.

Il risparmio dà chance di mobilità sociale e di ricambio delle elite, e i poteri forti non vogliono essere ricambiati o rottamati. Immobiliaristi e speculatori finanziari possono essere solo loro, non il popolo. Loro possono speculare su azioni e immobili dalle loro società e residenze estere senza pagare una lira di tasse. Il popolo non deve speculare, deve rimanere popolo, incapace e ottuso, al massimo col solo necessario per sopravvivere. Questa è la democrazia e la libera concorrenza che vogliono i poteri forti.

Tutto ciò che è OBBLIGATORIO è contro il popolo (altrimenti non sarebbe obbligatorio): tasse, contributi pseudoprevidenziali, formazione ecc.. QUESTO E' IL NUOVO SCHIAVISMO.

Il vero PROBLEMA è perché il popolo rincoglionito da stadi, movida, discoteche, offerte dei centri commerciali, sesso, musica, notti bianche ecc. NON SI RIBELLA?

Certo è più facile farsi una canna o una dose o la mina del sabato sera che organizzarsi e ribellarsi.

I liberisti (molti e divisi) dovrebbero trovare un'intesa comune su pochi punti programmatici che li uniscano, e smetterla di dividersi e litigare su delle quisquilie.

Ovvio che qualsiasi movimento e federazione liberista dovrebbe essere amministrato secondo i principi della democrazia turnaria, ovvero con rotazione delle cariche rappresentative, altrimenti non sarebbe un'associazione veramente democratica, ma solo l'ennesima replica dei movimenti politici esistenti fregapopolo.

Hanno annientato i piccoli commercianti a favore della grande distribuzione, i piccoli artigiani a favore delle grandi catene di assistenza, i piccoli calzaturieri a favore degli amici dei salotti buoni... ecc.

Nel 2005 iniziò l'annientamento ope judicis et aerarii di immobiliaristi e investitori finanziari, ora tocca agli avvocati: normale no?

Sono progetti di annientamento, proletarizzazione e schiavizzazione portati avanti da decenni: il raddoppio delle tasse sulle rendite finanziarie (= risparmi delle famiglie dei lavoratori) era nel programma di Rinascita Democratica della P2 di 30 anni fa: oggi la manovra Tremonti e conseguente riforma fiscale la sta attuando.


COLPIRE LE FAMIGLIE CHE RISPARMIANO DISTRUGGE L'ECONOMIA

TAX HEAVENS: ce la vedete la famiglia media italiana che si trasferisce a Labuan o alle Barbados? Eleggere chi? Chi rappresenta oggi i liberisti? Berlusconi e Tremonti hanno tradito. E poi le pressioni internazionali hanno dimezzato i paradisi fiscali: quelli ancora esistenti per quanto tempo rimarranno tali? Saranno sempre più ad uso esclusivo delle famiglie padrone degli stati e delle multinazionali. E’ a casa nostra che dobbiamo combattere ideologicamente e politicamente. Altrimenti sono solo chiacchiere

Colpire i possessori di redditi finanziari e da risparmio tramite bassi tassi di interesse, ovvero tassi di interesse reali - al netto d'inflazione - NEGATIVI, o con il raddoppio della tassazione sulle rendite finanziarie, o con i superbolli sui depositi titoli, o con la iettatoria tobin tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, DISTRUGGE L'ECONOMIA, anche se fa comodo ai poteri forti...

Confrontate questi articoli:

http://finance.yahoo.com/news/Low-rates-squeeze-savers-and-apf-3139420642.html?x=0

http://www.societalibera.org/it/documdi/documdi_20050929_matteucci.html

http://cromwell.ilcannocchiale.it/2011/02/27/mario_draghi_e_i_tassi_di_inte.html

http://www.bancaditalia.it/interventi/integov/2011/forex-26022011/Draghi_260211.pdf http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/


CAPIRE LA MANOVRA FISCALE DI TREMONTI

Io introdurrei nei piani di studio di scuole e università la materia SCIENZA DEL POTERE: cos’è il potere, chi ce l’ha, come lo si consegue, come lo si mantiene, come lo si gestisce, con quali strumenti e procedure... Il punto focale di questa manovra è L'ACCANIMENTO FISCALE SUL RISPARMIO DELLE FAMIGLIE (raddoppio dell'imposta sui rendimenti del risparmio e superbollo sui depositi titoli), evidentemente connesso alla tassazione delle transazioni finanziarie tanto voluta da Merkel e Sarkozy e dai loro burattinai. TUTTI GLI ALTRI PUNTI DELLA MANOVRA SONO, SOTTO IL PROFILO DELLA CONOSCENZA DEL POTERE, SECONDARI. L'attacco fiscale a quel risparmio che è il MOTORE DELLA MOBILITÀ SOCIALE E DEL RICAMBIO DELLE ELITE, è stato programmato (P2) e pervicacemente portato avanti da decenni, per scopi ben precisi di mantenimento del potere, che vanno ben al di là del racimolare 4 centesimi per l'erario. Capire questo evento EPOCALE è fondamentale per capire i rapporti di potere in Italia e in Europa.

Filippo Matteucci
Economista Privatista

 

http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/




11 maggio 2011

DAL PALEOLIBERTARISMO AL LIBERISMO PRIVATISTA

DAL PALEOLIBERTARISMO AL LIBERISMO PRIVATISTA

IL PALEOLIBERTARIO 
di Alessandro Catanzano  


" - Per la proprietà privata di ogni cosa, sasso, animale, che non sia un essere umano. 
- Per la tradizione in ogni sua forma 
- Per la libertà di circolazione su invito in un pianeta terra, oceani e mari compresi, completamente privato. 
- Per il diritto privato e non per il diritto pubblico. 
- Per la rivoluzione - nel senso astronomico del termine, cioè ritorno al punto di partenza - familiare, che riporti le famiglie, i clan, le libere associazioni al centro della società ed espella lo stato e il suo diritto corrotto e partigiano dalla vita degli uomini. 
- Per l'assenza di persone che impongano tasse e diano e tolgano concessioni di servizi obbligatori detti pretestuosamente pubblici, con libertà assoluta di offerta in concorrenza da parte di imprenditori. 
- Per la totale libertà di istruzione, non istruita da alcuno, ma da ciascuno scelta sul mercato.
- Per la totale libertà di mercato di ogni bene e servizio su base volontaria tra chi compra e chi vende. 
- Per negare ogni tassa agli apparati militar-industriali 
- Per la sanità totalmente privata e ad adesione volontaria 
- Per meccanismi di assicurazione su base privata e volontaria 
- Per l'espulsione dal pianeta di ogni forma di economia pianificata  
- Per l'arte libera e il mecenatismo privato 
- Per meccanismi pensionistici totalmente privati e volontari 
- Per la giustizia privata, gli arbitrati, le composizioni delle controversie di fronte a giudici eletti dalle parti e a pagamento, disponibili sul mercato e apprezzati per la loro equità. 
- Per l'abolizione delle banche centrali e l'emissione privata di moneta basata su oro, argento o ogni altra cosa monetata dagli uomini liberi e non a corso forzoso 
- Per le elite naturali 
- Per la proprietà privata di ogni mezzo di produzione e contro il possesso pubblico di ogni mezzo di produzione 
- Contro ogni sovvenzione, ragionamento fiscale, incentivo statale, regolamentazione di settore, mediazione statale in economia 
- Per la libera impresa privata in ogni sua forma 
- Per il mercato nero 
- Per ogni intermediario privato 
- Per la divisione del lavoro e la specializzazione 
- Per le scuole naturali in ogni disciplina 
- Per ogni differenza e disegualianza su base volontaria 
- Contro ogni libertà che snaturi l'uomo, i suoi comportamenti socialmente accettati, le sue tradizioni millenarie che cambiano solo per migliorare. 
- Per ogni tradizione che è stata prima una novità che ha avuto successo."  

Tratto da:  http://privatismus.blogspot.com


DEMOCRAZIA TURNARIA - IDEE PER UN PROGRAMMA POLITICO MINIMO  
di Filippo Matteucci
 

"TURNARIETA' DELLE CARICHE PUBBLICHE 

Applicazione del metodo della democrazia turnaria alle cariche politiche 
(soppressione delle elezioni, oggi pilotate tramite clientelismo, voto di scambio e socializzazione dei costi del consenso) 

Applicazione del metodo della democrazia turnaria alle cariche dirigenziali 
(soppressione dei concorsi pubblici farsa) 

Applicazione del metodo della democrazia turnaria alla Giustizia e all'Ordine Pubblico 
(soppressione dei magistrati di carriera e partecipazione di cittadini qualificati alla gestione e all'attuazione dell'Ordine Pubblico) 

Per capire come funziona la democrazia turnaria leggere: 
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=29320 
http://democraziaturnaria.splinder.com/post/22156653/democrazia-turnaria 
http://democraziaturnaria.splinder.com/post/22347025/la-democrazia-turnaria-e-impossibile-credici-e-vai-a-ballare 


STATO MINIMO
MENO STATO, PIU' MERCATO

Meno stato, perche' lo stato non siamo noi, lo stato e' contro di noi.  Lo stato non e' un soggetto, ma uno strumento delle famiglie padrone contro i ceti produttivi.  
Piu' mercato, perche' il mercato siamo noi, tutti noi. E noi, il mercato, siamo IL BENE.
Le famiglie padrone, queste famiglie padrone, queste élite innaturali ben organizzate in sette, logge, cosche, e i loro stati, sono IL MALE.

Lo stato, visto come apparato predatorio e vessatorio, comodo strumento delle famiglie padrone contro il popolo, avrà competenze ridotte al minimo, limitate alla difesa dei confini da invasioni straniere, clandestini compresi, all'Ordine Pubblico, alla Giustizia Penale, ed eventualmente alla Sanità.
La riduzione dello strapotere dello stato si ottiene tramite:


RIVOLUZIONE FISCALE  

DRASTICA DIMINUZIONE DELLA TASSAZIONE  
Eliminazione delle imposte sul reddito, sostituite da una blanda imposta sul patrimonio (con deducibilità dell'inflazione dall'imponibile) 
Eliminazione dei contributi previdenziali obbligatori 
Eliminazione delle imposte sui trasferimenti immobiliari 
Eliminazione delle imposte sul risparmio 
 

DIMEZZAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA  
ottenibile in primo luogo tramite lo smantellamento dei due grandi baracconi statali: gli enti pubblici previdenziali e la pubblica istruzione. 
Gli enti pubblici previdenziali vennero istituiti da Mussolini, un servo delle famiglie padrone della grande industria e della grande proprietà terriera, quindi non certo per il bene del popolo, ma per depredare i risparmi delle famiglie dei lavoratori, dei ceti produttivi. 
La scuola di stato venne istituita non per l'elevazione del popolo ma unicamente in funzione anticristiana, per togliere alla chiesa il monopolio dell'educazione, e poter così instillare fin dall'infanzia nei figli del popolo relativismo e ateismo. 
 

  ADOZIONE DI UNA MONETA D’ORO O RIGIDAMENTE ANCORATA ALL’ORO  
- a tutela dei risparmi delle famiglie contro la depredazione dei risparmi stessi effettuata dalle famiglie padrone tramite l’inflazione della carta moneta; 
- per rendere possibile la mobilità sociale, oggi impedita dalla svalutazione dei risparmi accumulati.   


RAFFORZAMENTO DELLE FAMIGLIE DEL POPOLO NEI CONFRONTI DELLO STATO 
 
La famiglia, soggetto di diritti e di responsabilità, come centro dell'esistenza e strumento di forza degli individui e dei ceti produttivi, contro lo stato strumento delle famiglie padrone e dei ceti parassitari. 
Divieto di intromissione dello stato nelle questioni familiari. Soppressione del giudice tutelare, sostituito da un consiglio di famiglia. 
Responsabilità familiare, penale e civile, del coniuge e dei parenti in linea retta di primo grado. 
 

QUALITA' DELLA VITA E VIVIBILITA' DELLE CITTA'  

ORDINE PUBBLICO DI QUARTIERE 
Libero porto d'armi per la difesa contro chiunque della propria famiglia e della proprietà privata. 
Normativa antisbandati e antimovida, forte aggravamento di pena per il disturbo al riposo delle persone e l'ubriachezza molesta, divieto di inquinamento acustico, unificazione dei vari corpi delle forze dell'ordine in un'unica arma, ausiliato da ronde volontarie di cittadini. 
Divieto di prostituzione in strada, riapertura delle case chiuse con obbligo di gestione cooperativa da parte delle stesse prostitute. 
Workhouse coatte per i cittadini degradatisi a clochard o ad accattoni. 

ORDINE PUBBLICO STRADALE 
Per la guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacienti: ritiro pluriennale o perpetuo della patente, condanna per lesioni o omicidio dolosi. 

 
LIBERALIZZAZIONE DEGLI STUPEFACIENTI 
Per togliere ogni possibilità di profitto alle famiglie padrone delle organizzazioni criminali, liberalizzazione di produzione, commercio e uso privato degli stupefacienti. 
Pene severissime, con ritiro pluriennale o perpetuo della patente, per lo stato di alterazione da stupefacienti e di ubriachezza in luogo pubblico. 

 
PROBITA' NELLE RELAZIONI SOCIALI E NEI COMMERCI 
Reato di falso in bilancio con pene severissime e interdizione perpetua dai commerci. 
Eliminazione dei principi generali del favor rei (interpretazioni della legge favorevoli al delinquente) e del favor debitoris (interpretazioni della legge favorevoli al debitore che non paga i suoi debiti). 
Tutela creditoria efficace con immediato spossessamento dei beni del debitore insolvente e loro vendita in unica asta in tempi brevissimi. 
Sostituzione per quanto possibile della giustizia pubblica civile con arbitrati privati."  

Tratto da : http://democraziaturnaria.splinder.com/




5 aprile 2011

COME PERDERE I VOTI DEI LIBERI PROFESSIONISTI

COME PERDERE I VOTI DEI LIBERI PROFESSIONISTI


RIFORMISMO CONTRO IL POPOLO: OBBLIGHI DIVIETI TASSE CONTRIBUTI E... FORMAZIONE!

 

 

Sembra che i nostri politici vogliano fare di tutto per perdere le prossime elezioni. Non bastava l’autogol del nucleare, che nessuno vuole. Non bastava la chiusura dell’accesso al lavoro per i tanti docenti precari. Non bastava la fiacca politica di respingimento dei Tunisini, con cedimenti a ricatti e taglieggiamenti (tanto paghiamo noi...). Non bastava nemmeno una riforma della giustizia che non interessa a nessuno, e quel processo breve salvadelinquenti che si presenta come il contrario di cio’ che vuole il popolo.

I nostri politici vanno anche a rompere le uova proprio al loro miglior elettorato, i ceti produttivi, a quei tantissimi liberi professionisti che LIBERI vogliono continuare a essere.

La rivolta generalizzata degli avvocati, dei praticanti avvocati e degli studenti di giurisprudenza contro la medioevale e assurda riforma forense ammazzavvocati di Alfano e del CNF, la riforma pro casta, pro baroni, dimostra che il suicidio elettorale sembra essere lo sport preferito dei nostri politici, e che forse e’ il caso di SOSTITUIRLI con altri che portino avanti la nostra volonta’ e non i loro interessi e quelli delle lobby baronali.

 

Oggi il termine “riformare” è divenuto sinonimo di “depredare”, ovvero imporre al popolo nuovi obblighi, divieti, tasse, contributi, pagamenti: si cambia in peggio per meglio asservire il popolo.

 

Alcuni tipici strumenti di questo riformismo antipopolare sono:

 

- gli obblighi di assicurazione: servono a impoverire il popolo e ad arricchire le grandi multinazionali assicurative;

- gli obblighi di formazione, sia prima che dopo l’accesso all’attività lavorativa: servono a foraggiare i parassitari enti, istituti, associazioni ecc., sia pubblici che privati, che esercitano una pseudo attività di formazione, e nello stesso tempo servono anche ad abituare gli obbligati a obbedire;

- le illiberali barriere e i numeri chiusi per l’accesso sia all’istruzione che ad arti, professioni e mestieri, ivi compresi i vari esami di stato: servono a riservare le attività piu’ comode e lucrative solo alle famiglie padrone o ai loro lacchè piu’ fidati;

- le soffocanti e inattuabili normative in tema di lavoro, di infortuni, di standard qualitativi di macchinari, edifici, impianti, ivi compresi gli obblighi di revisioni e collaudi periodici: servono a impoverire il contenuto del diritto di prorpietà privata e a strangolare l’iniziativa e l’attività economica di chi si pone in concorrenza con le imprese delle famiglie padrone;

- i soffocanti obblighi e controlli fiscali, ivi compreso l’obbligo di aprire quei conti correnti dedicati che vanno ad arricchire le grandi banche...

 

Come disse Berlusconi: “SE TU NON TI OCCUPI DI POLITICA, LA POLITICA SI OCCUPERA’ DI TE”.

credo che ben capite COME...

 

era ovvio che l'obbligo di formazione continua era il primo passo:

serviva a saggiare le nostre divisioni, la nostra disorganizzazione, il nostro ottuso individualismo, la poca comunicazione tra noi,

serviva ad abituarci a obbedire, come tanti cagnolini, come tanti scolaretti.

Ora passano al sodo, vogliono DEPREDARCI ED ASSERVIRCI.


http://www.facebook.com/home.php?sk=group_209275772416827

(...ADERITE...)

http://www.facebook.com/topic.php?topic=15261&uid=40009317333

 

La riforma Alfano contro l'avvocatura, contro gli studi medio piccoli, contro i giovani avvocati, contro i praticanti e gli studenti di giurisprudenza, NON DEVE PASSARE!

 

Facciamo si’ che l’obbligo di formazione continua si trasformi in un boomerang contro chi ce l’ha imposto.

Approfittiamo degli incontri per la formazione permanente , incontri COATTI, AI QUALI CI OBBLIGANO contro la nostra volonta’, per trasformarli in assemblee democratiche CONTRO CHI CI VUOLE DEPREDARE E ASSERVIRE, e contro qualsiasi organo di vertice CHE NON CI RAPPRESENTA E TRADISCE IL NOSTRO MANDATO e la nostra volonta'.

 

STA A NOI SAPERCI ORGANIZZARE, ESSERE CAPACI DI FARCI SENTIRE.

Non vogliamo vivere percorrendo dei binari che altri hanno preparato per noi e contro di noi: vogliamo essere padroni della nostra vita, del nostro lavoro, del nostro guadagno, delle tradizioni proprie delle nostre famiglie, del NOSTRO MODO DI PENSARE, DI CONCEPIRE LA SOCIETA' E LA VITA. 

Contro questo stato, contro le famiglie padrone di questo stato.

 

Filippo Matteucci


Dai vari numerosissimi e consistenti gruppi anti riforma Alfano su Facebook:

 

COSA PREVEDE LA RIFORMA CONTRO GLI AVVOCATI

 

- l' impossibilità all'abilitazione per chi non passa i test d'ingresso e chi non possa frequentare le scuole solo forensi a pagamento e per non meno di 250 ore annue - art . 41 e art 42 Riforma (Ai fini dell’iscrizione nel registro dei praticanti è necessario il superamento di un test di ingresso, da svolgersi periodicamente con modalità informatiche presso la sede dei Consigli degli Ordini Distrettuali" e "Il tirocinio, oltre che nella pratica svolta presso uno studio professionale, consiste altresì nella frequenza obbligatoria e con profitto, per un periodo non inferiore a ventiquattro mesi di corsi di formazione a contenuto professionalizzante tenuti esclusivamente da ordini e associazioni forensi" e "c) la durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico didattico non inferiore a duecentocinquanta ore per l’intero biennio; d) le modalità e le condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte del praticante avvocato nonché quelle per le verifiche intermedie e finale del profitto, che dovranno essere affidate ad una commissione composta da avvocati, magistrati e docenti universitari, in modo da garantire omogeneità di giudizio su tutto il territorio nazionale)" .

 

Ad oggi non esiste alcuna barriera per concludere proficuamente la pratica forense essendo solo necessario frequentare uno studio professionale ( senza spese o esami di sorta)

 

- esami previa preselezione e solo con codici NON commentati Art. 44 (Disposizioni generali) "1. L’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato può essere sostenuto soltanto dal praticante avvocato che abbia effettuato il tirocinio professionale, che non abbia compiuto cinquanta anni alla data di scadenza del termine previsto per la presentazione della domanda di partecipazione e che abbia superato la prova di preselezione informatica di cui all’articolo 45..." e art 46 . "La prova scritta si svolge col solo ausilio dei testi di legge senza commenti e citazioni giurisprudenziali"

 

Ad oggi non esiste alcuna barriera per arrivare all'esame professionale ed è possibile utilizzare in sede di esami gli indispensabili codici commentati con le sentenze giurisprudenziali

 

- cancellazione di fatto del patrocinio legale "autonomo" (si potrà solamente sostituire il titolare di studio nelle sua cause) (art 41 Riforma) ("Nel periodo di svolgimento del tirocinio il praticante avvocato, decorso un anno dall’iscrizione nel registro dei praticanti, può esercitare attività professionale solo in sostituzione dell’avvocato presso il quale svolge la pratica e comunque sotto il controllo e la responsabilità dello stesso, in ambito civile di fronte al Tribunale e ai giudici di pace, e in ambito penale, nei procedimenti che in base alle norme vigenti anteriormente alla legge 16 luglio 1997, n. 254 rientravano nella competenza del Pretore"

 

Ad oggi dopo un anno è possibile avere il patrocinio legale che dà la possibilità di guadagnare autonomamente con cause proprie per ben sei anni in attesa di superare l'esame professionale

 

- obbligo di presentare agli orali ordinamento e deontologia forensi e le materie più difficili (oggi solo facoltative) come diritto civile, diritto penale, diritto processuale civile, diritto processuale penale più due altre materie facoltative (art 46 Riforma "........ in una prova orale in forma di discussione con la commissione esaminatrice, durante la quale il candidato dovrà illustrare la prova scritta, e dimostrare la conoscenza delle seguenti materie: ordinamento e deontologia forensi, diritto civile, diritto penale, diritto processuale civile, diritto processuale penale; oltre ad altre due materie, scelte preventivamente dal candidato, tra le seguenti: diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto del lavoro, diritto commerciale, diritto comunitario ed internazionale privato, diritto tributario")

 

Ad oggi è possibile presentare solo materie molto semplici come diritto internazionale privato, diritto comunitario etc

 

- non si potrà sostenere l'esame dopo più di 3 bocciature (Art 43 Riforma) ("Il Consiglio dell’ordine presso il quale è compiuto il biennio di tirocinio rilascia il relativo certificato che consente di partecipare alla prova di preselezione informatica per l’ammissione all’esame di Stato per le tre sessioni immediatamente successive, salvo il diritto di ripetere il biennio di tirocinio al fine del conseguimento di un nuovo certificato di compiuta pratica")

 

Ad oggi non esiste alcun limite

 

- non potrà sostenere l'esame chi ha 50 anni

 

Ad oggi non esiste alcun limite

 

Per quelle poche centinaia di fortunatissimi nuovi avvocati l'anno in tutta Italia (ad oggi la percentuale di promossi all'esame forense è già la più bassa tra tutte le "libere" professioni con appena il 35% degli idonei ogni anno) sarà anche previsto che:

 

-VERRÀ CANCELLATO (CON UNA NORMA EVIDENTEMENTE INCOSTITUZIONALE) DALL'ALBO DEGLI AVVOCATI CHI NON RAGGIUNGERA' UN LIMITE MINIMO DI REDDITO PROFESSIONALE DECISO DAGLI ORDINI E/O CHI NON VERRA' DAGLI ORDINI RITENUTO ESERCITANTE LA PROFESSIONE IN MODO CONTINUATIVO (Art 19 riforma).

------------------------

Riportiamo anche lo scritto dell'UGAI e ringraziamo.

 

UNIONE GIOVANI AVVOCATI ITALIANI

 

AVVOCATI CONTRO LA RIFORMA “ALFANO-CNF”

 

NO ALL’IMMEDIATA CANCELLAZIONE DALL’ALBO DEGLI AVVOCATI PER REDDITO PROFESSIONALE SOTTO IL MINIMO (Art 19)

 

NO ALL’ ABOLIZIONE DELL’ABILITAZIONE AUTOMATICA PER LA CASSAZIONE A DANNO DEI GIOVANI AVVOCATI (Art 20)

 

NO AI CONTROLLI “FISCALI” SUGLI AVVOCATI DA PARTE DEGLI ORDINI D’INTESA CON GLI UFFICI FINANZIARI (Art 19)

 

NO AI PRATICANTI SOLO “PART TIME” NEGLI STUDI LEGALI DURANTE IL TIROCINIO A CAUSA DELLE SCUOLE POST- LAUREA A PAGAMENTO (ART. 42)

 

NO ALL’AVVOCATURA POSSIBILE “OSTAGGIO” DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE CIVILE E DELLE AZIONI DI RISARCIMENTO DEI CLIENTI (Art.11)

 

NO AD ESAMI E SPESE COATTIVE PER AVERE LE SPECIALIZZAZIONI (Art. 8)

 

NO ALLA FORMAZIONE COATTIVA “A SPESE” DEGLI AVVOCATI (Art. 10)




30 aprile 2010

NOBILITAS NOVA

NOBILITAS NOVA


LA FUNZIONE STORICA IDEALE DELLA NOBILTA'

- Visione aristocratica dell'esistenza umana
- Governo del Bene
- Difesa dei deboli e degli oppressi, secondo i dettami della migliore Cavalleria
- Virtù Cristiane


TRADIMENTO DEI PRINCIPI ARISTOCRATICO - NOBILIARI

Una parte consistente della nobiltà storica ha tradito se stessa.
La nobiltà è stata per secoli annacquata e inquinata dall'accettazione nei suoi ranghi della nobiltà di toga , spesso comprata dai Re. La vendita di titoli nobiliari ha rappresentato e rappresenta per sovrani poco lungimiranti o indegni uno degli stratagemmi per rimpinguare la regia cassa.
Troppi appartenenti alla più alta nobiltà di spada si sono lor stessi macchiati indelebilmente dei più squallidi comportamenti volgar - borghesi: divorzi, sordide avventure sessuali, ruberie alle casse pubbliche, illeciti finanziari, immoralità di costumi, affiliazione a società occulte anticristiane finalizzate all'acquisizione immeritata di potere sugli stati e sulla finanza e alla depredazione dei ceti produttivi.


NUOVO SANGUE NOBILE

La soluzione al degrado or descritto di parte della nobiltà consiste in un'epurazione del marcio unita a un rinnovo selettivo.
La nobiltà nasce unicamente dal sangue versato.
Un ampliamento assiologicamente ineccepibile della base nobiliare può essere immediatamente concretizzato riconoscendo lo status nobiliare ereditario alle famiglie che hanno versato il loro sangue per la difesa della comunità, e tale status desiderino ottenere. 

Sono quindi NOBILTA' NUOVA:

- le famiglie che hanno avuto uno o più caduti nelle guerre sostenute dalla nazione italiana contro nazioni straniere; e per "straniera" intendiamo qualsiasi nazione non italiana, vincitrice o sconfitta che sia stata; non rientrano in questa ammissione i caduti per mano fratricida nelle guerre civili o di conquista di territori italiani da parte di altri italiani; vi rientrano invece gli italiani caduti per mano di altri italiani nella difesa del loro stato e del loro Re, ad esempio i Borbonici caduti per mano garibaldina o savoiarda, o i Veneti caduti militando nelle armate asburgiche;

- le famiglie che hanno avuto uno o più caduti nella lotta alla criminalità, compresa la criminalità di stato, appartenenti alle Forze dell'Ordine o alla Magistratura, o civili coraggiosi che hanno pagato con la vita il loro opporsi al male.


EPURAZIONE DEGLI INDEGNI

Questa Nobilitas Nova costituirà, con suoi appartenenti, una nuova Consulata Nobiliare, la quale epurerà dalla nobiltà tutti gli appartenenti alla vecchia aristocrazia che si sono macchiati dei sopra esemplificati comportamenti ignobili, dichiarando le loro famiglie DECADUTE


Filippo Matteucci Di San Ginesio


Tratto da:
http://nobilitasnova.over-blog.com/

 



sfoglia     maggio       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom